home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


Solennità di San Giovanni Battista
San Giovanni in Persiceto, 24 giugno 2012


Cari fratelli e sorelle, la Chiesa ha sempre avuto una particolare venerazione per S. Giovanni Battista. È l’unico santo di cui, come fa per la Madre di Dio, celebra e il giorno della nascita e il giorno della morte.

Non solo, ma tutti i quattro vangeli hanno conservato la catechesi che Giovanni faceva al popolo, chiedendo in questo modo alla Chiesa di non perderne la memoria e di riascoltarla di generazione in generazione.

Perché tanta importanza viene attribuita a questa persona? Perché la coscienza della Chiesa deve sempre mantenerne viva la presenza?

1. È singolare il modo con cui Giovanni declina le sue generalità. Egli non dice: "io sono …"; dice: "io non sono". Declina le sue generalità in negativo. O meglio: in relazione ad un Altro. Egli cioè vede se stesso non in se stesso, ma in rapporto a Cristo.

Del resto, come abbiamo sentito nel santo Vangelo, fin dalla sua nascita ci fu la questione come chiamarlo. Il nome della persona indica nella S. Scrittura l’identità e la missione della persona medesima. I parenti del bambino volevano seguire la consuetudine. Ma il nome gli era già stato dato da Dio medesimo, in ordine alla missione: "preparare al Signore un popolo ben disposto". Ancora una volta abbiamo lo stesso insegnamento: Giovanni è completamente in vista di un Altro; è semplicemente come "un segnale stradale", il cui unico compito è di indicare la direzione verso cui andare.

I grandi teologi del Medioevo avevano una capacità grande di leggere il libro della natura. E fanno la seguente considerazione. Quando nasce Giovanni, il giorno comincia a farsi breve, fino al giorno in cui nasce Gesù, quando il giorno comincia ad allungarsi. Quanto è insegnato nel libro della Scrittura è ripetuto nel libro della natura. Giovanni diminuisce quanto più cresce il Sole di giustizia, Cristo Signore. Egli "è venuto semplicemente per rendere testimonianza alla luce" [Gv 1, 7].

Ora possiamo capire perché la Chiesa ha una così profonda venerazione per Giovanni Battista. Egli è come lo specchio nel quale la Chiesa vede se stessa. Essa infatti non esiste per se stessa, ma per essere la via sulla quale l’uomo può incontrare Gesù.

" La Chiesa ha per unica missione di rendere presente Gesù Cristo in mezzo agli uomini. Essa deve annunciarlo, mostrarlo, darlo a tutti. Il resto … non è che un di più" [H. de Lubac, Meditazione sulla Chiesa, Jaca book, Milano 1979, 148].

I Padri della nostra fede paragonavano la Chiesa alla luna. Come sapete, la luna non brilla e non illumina di luce propria. Essa lo fa, perché riflette la luce del sole. Così è la Chiesa. Nella notte del mondo, essa esiste per riflettere la luce di Gesù. Certamente non tutto nella Chiesa riflette la luce di Gesù; ma tutta la luce di Gesù traspare attraverso la Chiesa.

Ciò che è vero della Chiesa è vero di ciascuno di noi come discepoli del Signore. Il nostro essere cristiani non è principalmente in rapporto ad una dottrina che accettiamo, o in rapporto ad un codice morale che osserviamo. Il nostro essere cristiano è l’essere in relazione con Cristo: una relazione costituita dalla fede.

2. Cari amici, queste parole hanno quest’anno una risonanza drammatica nella nostra coscienza. La festa del vostro patrono è velata quest’anno dalla tristezza.

Come vivere questa tribolazione senza lasciarci prendere dallo scoraggiamento, o perfino dalla disperazione?

Tutto il nostro essere, tutta la nostra vita – vi dicevo – è in relazione con Cristo. Nel Salmo dopo la prima lettura, abbiamo detto: "Ti sono note tutte le mie vie". Il Signore conosce i giorni pieni di tristezza che stiamo vivendo.

"Sei tu che hai creato le mie viscere e mi hai tessuto nel grembo di mia madre": non siamo venuti al mondo per caso, e non siamo foglie secche in preda a forze oscure della natura.

Chi crede non è mai solo. Giovanni non ha fatto altro: dire che in mezzo a noi c’è Dio salvatore. E là dove c’è Dio salvatore, c’è sempre la possibilità di un futuro. Mi piace terminare con un testo poetico di K. Wojtyla.

«Nessun uomo trova spianati i sentieri.
Veniamo al mondo
simili ad un cespuglio che può ardere come il roveto di Mosè
oppure inaridirsi.

Sempre vanno riaperti i sentieri perché non tornino a chiudersi
sempre vanno riaperti finché non siano diritti
nella semplicità e maturità di ogni istante".

[K. Wojtyla, Sorella, Opere letterarie, 153]