home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


Chiusura della fase diocesana del processo di canonizzazione di padre Olinto Marella
17 dicembre 2005


Gode la Chiesa di Dio in Bologna poiché vede che uno dei suoi figli più grandi è incamminato verso la gloria degli altari, consapevole come essa è che tutta la sua "potenza" consiste nella santità dei suoi figli.

Ma come ogni madre, anche la Chiesa ha nel cuore una certa gelosia per i suoi figli e non permette di esserne privata, come accade ogni volta che essi vengono compresi – sarebbe meglio dire incompresi - secondo categorie non propriamente ed originalmente evangeliche.

Attendendo con totale e gioiosa disponibilità il giudizio infallibile della Chiesa, sento il bisogno in questo momento di fare alcune riflessioni di carattere piuttosto teologico sulla figura, la vita e l’insegnamento di P. Marella, che da questo momento deponiamo dentro al discernimento spirituale della santa Chiesa.

1. Ogni esistenza ha un suo segreto, poiché la coscienza che ciascuno ha del senso della propria vita rimane custodito nel cuore.

Ma con profonda venerazione ho cercato di sapere questo segreto di P. Marella, o almeno di averne una qualche conoscenza. Mi piace esprimerlo nel modo seguente: egli ha conosciuto la miseria umana: egli ha conosciuto Cristo; con tutte le forze egli li ha avvicinati. In un solo sguardo, nello stesso sguardo egli ha visto nel povero, Cristo e ha visto in Cristo, il povero. "Cristo è in agonia fino alla fine del mondo", ha scritto un grande pensatore cristiano; e Gesù ha detto: "i poveri li avrete sempre con voi". In ogni povero è l’agonia di Cristo che si continua; nell’agonia di Cristo ha agonizzato la dignità di ogni reietto.

L’avvicinamento della miseria umana, di ogni miseria umana a Cristo e di Cristo ad ogni miseria umana trasforma quell’uomo in carne ed ossa che P. Marella cercava fra i più abbandonati ed accoglieva, in una persona consapevole della sua dignità. Cristo è l’infinita dignità dell’uomo.

Quando invece la miseria umana è separata da Cristo, l’uomo diventa o indifferente all’umiliazione dell’altro o semplice operatore sociale. Quando Cristo è separato dalla miseria umana, il cristiano diventa uno che o sfugge il peso del mestiere umano o viene sequestrato da inefficaci programmi sociali. P. Marella richiama la coscienza della nostra città; è una salutare spina piantata nella sua carne.

2. Donde deriva questa capacità di avvicinare miseria umana e Cristo? Chi dona all’uomo la forza di farlo? "Ora, noi abbiamo il pensiero di Cristo" [1Cor 2,16b], dice l’Apostolo. È l’amicizia con Cristo, che ci assimila a Lui; è lo stare in sua compagnia, che riproduce in noi Cristo stesso. In uno scritto che p. Marella consegnò al Card. A. Poma e reso pubblico solo nel giorno del suo funerale, egli dice: "ho desiderato e mi sono proposto di lasciarmi guidare … dall’unico assillo che "Charitas Christi urget nos"". Si noti bene: "unico assillo" dice il padre; e "farmi guidare", indicando così il movimento originario del suo spirito. L’unica forza propulsiva del suo agire ha voluto che fosse l’amore che Cristo ha per l’uomo, desiderando esserne pervaso. Ed aggiunge: "nella Chiesa sua santa", unico luogo ove è possibile all’uomo essere trasfigurato in Cristo.

L’acqua a cui tutti i disperati di Bologna potevano dissetarsi aveva questa sorgente profonda: sgorgava dal Cuore di Cristo. A questa sorgente il primo a dissetarsi era p. Marella stesso in una esemplare vita di preghiera, che toccava il suo vertice nella celebrazione dell’Eucaristia.

3. La carità di p. Marella non può essere intesa in altro modo. La carità cristiana ha una sua autonomia poiché ha una sua inconfondibile originalità. Non esiste come "supplenza congiunturale" a quanto altri, privati od istituzioni, non riescono a fare. L’uomo ha bisogno che la sua miseria sia avvicinata a Cristo e Cristo alla sua miseria: la carità cristiana è la risposta a questo bisogno. L’uomo ha diritto a questa risposta, poiché il puro servizio sociale, la mera filantropia, è opera solo umana e non raggiunge nell’emarginato quell’abisso dove la sua dignità di persona è ferita. È l’amore di Cristo che fa risorgere l’uomo.

Certamente, i vari soggetti che esercitano la carità cristiana, inseriti come debbono essere nella società civile, cooperano con altri soggetti favorendo la creazione e la condivisione di un’etica pubblica centrata sulla solidarietà, sulla collaborazione concreta, sul dialogo rispettoso di ogni interlocutore. Così deve essere. Ma la carità cristiana è più che questo; è anche altro che questo. La Chiesa non è la succursale di nessuno. È l’amore impossibile, ma sommamente desiderato, che diventa un evento reale.

Il lascito spirituale e culturale di p. Marella è questo. Lascito grande, prezioso e particolarmente significativo in quest’ora di travaglio che la nostra città sta vivendo. Affidiamo ora alla Chiesa il giudizio definitivo sulla sua santità; a noi comunque resta la missione di non dilapidare il suo lascito. La sua testimonianza resti sempre piantata nella coscienza della nostra città, perché nessuna sorta di collasso o atonia spirituale spenga mai nei suoi abitanti il desiderio del vero amore.