home
biogr.
english
español
français
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


INCONTRO COI MEDICI CATTOLICI (SCHEMA)
28 gennaio 1996

 E’ la prima volta che ho l’occasione di incontrarvi. E come avviene in questi casi, il primo incontro, sento il bisogno di dirvi la mia gioia e gratitudine, manifestarvi i miei desideri.

1. La coscienza della dignità della vostra missione-professione.
E’ necessario partire da questa percezione vivissima: essere medici è una cosa degna di stima. Perché? per il contenuto stesso di questa missione-professione. prevenire-curare la malattia, alleviare il dolore, consolare il sofferente. E’ la sintesi di due attitudini fondamentali: la scienza e la compassione. La scienza senza la compassione è empia; la compassione senza la scienza è magia. E’ un rapporto diretto colla persona, adeguato alla sua dignità.

2. Donde viene o può venire un “attacco” alla dignità della  medicina?
- Il rapporto medico-ammalato è diventato un rapporto non solo privato, ma ha anche una dimensione pubblica dovuta al forte impegno finanziario dello Stato. Questa progressiva de-privatizzazione del rapporto comporta una progressiva definizione della professione medica come funzione pubblica, definire i cui contenuti è compito della legge. Cioè: il medico è uno che deve assicurare determinate prestazioni.
- L’introduzione della legge sulla legalizzazione dell’aborto ha avuto un effetto devastante: ha mutato la definizione stessa di medicina. Essa non è più come tale unicamente orientata alla promozione della vita.
- la progressiva disaffezione al rapporto di persona a persona a causa della progressiva burocratizzazione della medicina.

3. Come custodire intatta questa consapevolezza di una verità, di una dignità che dimora nella professione medica? Esistono fatti che sono irreversibili e pertanto quella custodia non può consistere nel ricordo nostalgico del passato.
- La custodia avviene in primo luogo nella coscienza morale del medico stesso: la prima custode è la coscienza morale. Questa non è l’opinione dei volta in volta emergente o consentita dalla maggioranza. E’ l’atto con cui la nostra ragione capisce in una data situazione ciò che è bene, alla luce (in conformità) delle esigenze della persona umana. Il custode, la sentinella deve essere vigilante per impedire che entri ciò che deturpa; deve essere perspicace per discernere ciò che è bene non solo da ciò che è male, ma anche da ciò che è semplicemente utile e/o piacevole.
- La custodia avviene attraverso un serio lavoro culturale. Cultura è la “cura” dell’umano che è in ciascuno di noi: siamo i “pastori” della nostra dignità ed umanità.
- La custodia avviene attraverso un forte recupero della esperienza associativa.

Conclusione: la “passione per l’uomo” avvicina profondamente l’esercizio della medicina al Vangelo. Anzi: il segno costantemente indicato dal Signore per indicare la venuta del Regno è sempre stato la guarigione dell’ammalato. Dovremmo ricostruire questo incontro.