home
biogr.
english
español
français
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


B. ZEFIRINO AGOSTINI
Cattedrale, 8 novembre 1998


1. “Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete fare nulla”. La parola del Signore ci rivela la profondità del legame che unisce Cristo ai suoi discepoli. Attraverso l’allegoria della vite e dei tralci siamo condotti dentro al mistero della nostra «dimora» in Cristo e della «dimora» di Cristo in noi. Una reciproca dimora in forza della quale è la vita stessa di Cristo che rifluisce nella persona del credente. Non è più solamente una questione di «dipendenza» dell’inferiore nei confronti del superiore, del servo nei confronti del padrone. E’ un’esperienza di amicizia nella quale vige la logica della reciprocità: “rimanete in me ed io in voi”.
Questa relazione reciproca si manifesta nel «fare frutti»; il discepolo esprime la sua inserzione in Cristo nella fecondità delle sue opere: “chi rimane in me ed io in lui, fa molto frutto”. Quale frutto? Quel frutto che la vite-Gesù porta: l’amore, il dono di Se stesso, rivelazione dell’amore del Padre verso l’uomo. Essere uniti al Cristo come il tralcio alla vite significa essere inseriti nel suo amore: dimorare nel suo amore. E’ l’amore che trova la sua sorgente nella comunione del Padre e del Figlio. I frutti che glorificano il Padre, i comandamenti che il discepolo deve osservare per rimanere in Cristo sono l’amore fraterno. Il frutto che Dio vuole è l’amore : null’altro. “Al di sopra di tutto poi” ci insegna S.Paolo “vi sia la carità, che è il vincolo della perfezione”.

2. La pagina del Vangelo ci viene oggi spiegata, mostrata nella vita del b. Zefirino: i frutti del suo rimanere in Cristo sono stati le opere dell’amore nell’esercizio pastorale come parroco e nel suo carisma di fondatore.
Nell’esercizio pastorale. Parroco di una parrocchia vasta per territorio e per numero di fedeli, egli espresse la sua unione a Cristo, alimentata in un’intensa esperienza di preghiera, nella cura della catechesi, nell’assistenza agli ammalati, nella attenzione concretissima ai poveri.
Nel carisma di fondatore. E’ singolare come il b. Zefirino sia davvero «rimasto in Cristo» nel produrre questo frutto preziosissimo per la Chiesa: la congregazione delle Orsoline Figlie di Maria Immacolata. Il b. si lasciò veramente, semplicemente condurre dallo Spirito Santo: fu fondatore non per una scelta programmata, ma mosso dallo Spirito mediante una serie di circostanze.
E vorrei sottolineare due aspetti del suo carisma fondazionale. Egli si pose nell’intuizione di Angela Merici: un’intuizione della permanente fecondità. E’ la sintesi della contemplazione coll’azione, nel mondo. Il b. Zefirino poi capì che la donna era chiamata ad una particolare missione nella Chiesa e nel mondo, vedendo in lei in primo luogo quel carisma dell’educazione, che è cura della dignità di ogni persona, che è attenzione alla sua umanità.

I Santi ci sono donati perché riscopriamo sempre più il Vangelo: ci ottenga il nuovo beato “di vivere con cuore libero e sincero” la nostra vita in Cristo.