home
biogr.
english
español
français
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


Celebrazione della Passione del Signore
Cattedrale di S. Pietro
Venerdì 9 aprile, Venerdì Santo

La solenne semplicità della Liturgia che stiamo celebrando ci invita ad una contemplazione pacata e profonda del mistero della Croce, perché si compia anche in noi la parola profetica: "volgeranno lo sguardo in colui che hanno trafitto".

1. La prima domanda che sorge nel cuore del credente di fronte al mistero della Croce è: perché il Figlio di Dio ha voluto subire una tale passione ed una tale morte? "Ha voluto", ho detto. Egli infatti non ha subito quella passione e quella morte; l’ha scelta liberamente. La narrazione, appena ascoltata, di quanto è accaduto nel Getsemani sottolinea la suprema libertà con cui Cristo va incontro alla morte. Perché lo ha voluto? La parola di Dio risponde: "egli è stato trafitto per i nostri delitti, schiacciato per le nostre iniquità … il Signore fece ricadere su di Lui l’iniquità di noi tutti". S. Paolo scrive: "Colui che non aveva conosciuto peccato, Dio lo trattò da peccato in nostro favore" [2Cor 5,21]. Le parole profetiche e dell’apostolo riassumono tutta la profondità del mistero della Croce che oggi adoriamo e la profondità del mistero della redenzione dell’uomo.

Sulla Croce Cristo portò tutto il peccato del mondo; è l’intero genere umano a pesare su di Lui con tutto il peso della iniquità e dell’ingiustizia umana. Egli poté misurare il male intero del peccato umano – del voltare le spalle a Dio – nella profondità della sua unione filiale che anche sulla Croce viveva col Padre. Ed è stata questa intima sofferenza che ha sanato le nostre piaghe, che ha compiuto la nostra redenzione. L’uomo è stato redento sulla Croce: la Croce di Cristo è la redenzione dell’uomo.

2. Scopriamo allora nel mistero della Croce una duplice dimensione: una dimensione divina ed una dimensione umana.

Una dimensione divina: essa mostra l’amore di Dio verso l’uomo. L’apostolo scrive: "Dio dimostra il suo amore verso di noi perché mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi" [Rom 5,8]. Egli si dimostra come il Dio fedele a Se stesso, fedele al suo amore verso l’uomo ed il mondo, fino al punto da mandare il suo Unigenito a cercare chi era perduto, a prendere sopra di sé tutta la miseria umana. E così noi non "abbiamo un sommo sacerdote che non sappia compatire le nostre infermità, essendo stato lui stesso provato in ogni cosa, come noi, escluso il peccato".

Una dimensione umana: la Croce mostra il valore dell’uomo. Quale grande dignità è quella della persona umana, di ogni persona umana, se Dio se ne prende tanta cura! La Croce dimostra a quale prezzo l’uomo è stato liberato. Essa è la ragione ultima della cura che la Chiesa si prende dell’uomo, la sorgente della sua missione.

La Croce che è eretta davanti a voi, ogni Croce, indica due direzioni: una direzione verticale ed una direzione orizzontale. La Croce è il ponte che ci consente di passare dalla riva del tempo alla riva della Eternità; di non naufragare dentro alle miserie della nostra vita. La Croce è l’abbraccio che accoglie tutti, poiché ogni uomo è già stato compreso nel suo mistero: il mistero di Dio che dona Se stesso per la redenzione della dignità umana.