home
biogr.
english
español
français
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


Terza Veglia di Avvento
Cattedrale, 16 dicembre 2006


1. La parola dell’Apostolo questa sera ci guida a meditare il Mistero cristiano nel suo cuore. Il Mistero cristiano è Dio che manda il suo Figlio "perché ricevessimo l’adozione a figli". È Dio che nel suo Figlio comunica a noi la sua stessa vita "rivestendoci di Cristo" e così ci introduce nella sua stessa divina famiglia.

L’Apostolo vuole renderci consapevoli dell’assoluta novità di questo evento. Esso spezza in due parti la storia: "prima che venisse la fede" [cioè che accadesse quel fatto che solo la fede mi fa riconoscere] - quando "eravamo come schiavi degli elementi del mondo".

Ma quell’evento soprattutto cambia radicalmente la condizione di ciascuno di noi: prima "schiavi" ora "liberi"; prima "schiavi" ora "figli". Non solo la condizione di ciascuno di noi singolarmente preso, ma anche l’assetto oggettivo della comunità umana: "Non c’è più giudeo né greco; non c’è più schiavo né libero; non c’è più uomo e donna, poiché tutti voi siete uno in Cristo Gesù".

Il Mistero opera questa trasformazione in quanto si comunica all’uomo ed in quanto l’uomo entra in esso: "quanti siete stati battezzati in Cristo, vi siete rivestiti di Cristo"; "che voi siete figli ne è prova il fatto che Dio ha mandato nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio che grida: Abbá-Padre". Ecco, vedete? Quando il Mistero si comunica [= lo Spirito mandato nei nostri cuori]; quando l’uomo vi entra [= battesimo in Cristo], tutta la sua condizione è trasformata. Comunicandosi, il Mistero ci trasforma.

Questa trasformazione è un cammino poiché Dio si comunica a noi in Cristo progressivamente, e lo Spirito mandato nel nostro cuore prende progressivamente dimora in esso. Il Signore cioè viene, desidera venir continuamente nella nostra persona: il suo avvento è sempre imminente. Ciascuno di noi può applicare a sé la seconda antifona: "rallegrati, esulta, santa città di Dio: a te viene il tuo Re. Non temere: la tua salvezza è vicina".

2. La Chiesa in questo Ufficio vigilare ci mette accanto Maria come Colei che ci insegna a vivere l’avvento del Signore, ad accogliere il Mistero che trasforma la nostra persona.

Il responsorio della seconda lettura parlava di un "gran nugolo di testimoni", in particolare di Abramo e di Sara. Ma è soprattutto Maria che sa guidarci.

Il Signore non si fa conoscere che a chi lo attende; e si rivela loro progressivamente. E la condizione necessaria è la fede: "A Dio che si rivela è dovuta "l’obbedienza della fede", per la quale l’uomo si abbandona a Dio tutto intero liberamente, come insegna il Concilio. Questa descrizione della fede trovò una perfetta realizzazione in Maria". In Lei il Mistero prese dimora perché ella si abbandonò a Dio tutta intera liberamente, ed attraverso di lei il Mistero iniziò a vivere nel nostro mondo.

La preghiera con cui termineremo questo Ufficio vigilare dice sinteticamente tutto: "guarda, o Padre, il tuo popolo che attende con fede il Natale del Signore". L’attesa è la fede; è attesa non di un fatto passato ma di una trasformazione della nostra persona in Cristo: Cristo nasce in noi.