home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


VEGLIA PASQUALE
15 aprile 2006


1. "O notte veramente gloriosa, che ricongiunge la terra al cielo e l置omo al suo creatore". È questo il grande mistero che stiamo celebrando in questa veglia: il ricongiungimento della terra al cielo e dell置omo al suo Creatore.

L弛rigine di questa veglia è antica. Essa venne celebrata la prima volta nella notte in cui il popolo ebreo fu liberato dalla schiavitù egiziana, e quella liberazione fu la prefigurazione profetica della nostra liberazione.

Meditando attentamente la terza lettura, possiamo ben capire in che cosa consiste ogni vera liberazione. Il punto di partenza è la condizione di un popolo che vive in una società, quella egiziana, che adora idoli e non il vero Dio. È questa la radice di ogni schiavitù umana: l段dolatria. Legare cioè la riuscita della propria vita ad una creatura, incaricandola di essere risposta adeguata ai desideri del cuore umano. Inganno tragico! Nessuna creatura è in grado di offrirci una tale risposta.

Il punto di arrivo, la meta cui tende il gesto redentivo del Signore è pertanto di condurre l置omo verso l段ntimità divina, dentro all誕lleanza con il suo Creatore: "fai entrare" abbiamo cantato "il tuo popolo e lo pianti sul monte della tua eredità". Dentro a questo rapporto di alleanza col Signore, Israele riceve il dono della Legge, che indica all置omo la via sicura della beatitudine e della vita. "Ascolta, Israele, i comandamenti della vita" ci ha appena detto il profeta Baruc "cammina nello splendore della sua luce poiché ciò che piace a Dio ci è stato rivelato". Ecco la vera liberazione dell置omo: ricongiunto al suo Signore, egli non brancola più nel buio; egli conosce la via della vita.

2. Ma, carissimi fedeli, abbiamo letto una pagina del profeta Ezechiele che sembra contraddire tutto questo: "la casa di Israele, quando abitava il suo paese lo rese impuro con la sua condotta e le sue azioni li ho dispersi fra le genti". La liberazione è fallita; il destino dell置omo sembra essere implacabilmente la dispersione e l弾silio lontano dalla patria della propria identità, in una insuperabile schiavitù. Di quale liberazione allora l置omo ha veramente bisogno, se il dono della Legge non è bastato?

Ascoltiamo ancora il profeta: "vi aspergerò con acqua pura e sarete purificati vi darò un cuore nuovo". Ecco, questo è il punto centrale. È il cuore dell置omo la vera sede della sua schiavitù, l置omo è schiavo perché e fino a quando è schiavo nel suo cuore. Questa notte l置omo è stato veramente liberato perché gli viene donato un cuore nuovo, perché il suo io è rigenerato. In che modo? Mediante i santi sacramenti pasquali del Battesimo e dell脱ucarestia.

Mediante essi noi diventiamo partecipi di quanto è accaduto in Cristo che muore e risorge. Ho parlato di "rigenerazione del proprio io". Ora "la rigenerazione come emerge dalla parola stessa, è l段nizio di una seconda vita. Perciò prima di iniziare una seconda vita, bisogna porre fine alla prima" [S. Basilio M., Lo Spirito Santo 16,35]. In che modo? Voi catecumeni, mediante il santo battesimo che fra poco riceverete, nel quale ponete fine alla vita di prima e sarete rigenerati; voi fedeli, facendo memoria del vostro battesimo e rinnovando le sue promesse. Tutti soprattutto partecipando alla santa Eucarestia.

O notte veramente unica! la gloria del Signore risorto pone fine in ciascuno di noi alla vecchia creatura ed in Lui siamo nuove creature. O notte veramente unica! "ciò che è distrutto si ricostruisce ciò che è invecchiato si rinnova, e tutto ritorna alla sua integrità, per mezzo del Cristo, che è principio di tutte le cose".