home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


Veglia di preghiera per la Giornata delle Vocazioni
Cattedrale, 1 maggio 2004


Questa è la celebrazione di un patto educativo che viene stretto fra i giovani candidati e la Chiesa. Le clausole del patto sono le seguenti. Questi tre giovani ritengono seriamente di essere chiamati dallo Spirito ad essere sacerdoti, e chiedono alla Chiesa di aiutarli a verificare se questa loro convinzione corrisponde o non alla realtà; d’altra parte, la Chiesa accoglie la loro richiesta e si impegna ad offrire loro tutto ciò che è necessario ad un discernimento vocazionale. Siglato questo patto, questi giovani sono nella Chiesa "candidati al sacerdozio".

Questa alleanza rivela il suo significato intimo se la comprendiamo alla luce della Parola di Dio.

Che cosa chiedono alla Chiesa di verificare? A che cosa si candidano? ad essere "pescatori di uomini" come dice Cristo a Simone. Il ven. Beda spiega: "come ora prendi i pesci colla rete, così prenderai gli uomini colle parole". Si candidano a divenire testimoni di un avvenimento che "prende l’uomo", che conquista l’uomo perché è risposta adeguata e vera alle sue attese.

Quali attitudini devono essere in chi si candida a divenire "pescatore di uomini" nel senso appena spiegato? La prima e fondamentale è indicata nella seconda lettura: "Egli ha dato la sua vita per noi; quindi anche noi dobbiamo dare la vita per i fratelli". È l’amore per l’uomo spinto fino al dono della vita. L’amore che faceva dire a S. Paolo "non ritengo … la mia vita meritevole di nulla, purché conduca a termine la mia corsa e il servizio che mi è stato affidato dal Signore Gesù" [At 20,24]. Ma notate bene: l’amore di cui si parla è generato e misurato dall’amore stesso di Cristo. Candidarsi al sacerdozio significa candidarsi ad amare l’uomo in Cristo e come Cristo.

Perché questo cammino possa iniziare – ed è l’insegnamento che ci viene dalla prima lettura – è necessario la decisione di seguire Cristo. Cristo getta su di voi questa sera il suo mantello come fece Elia con Eliseo, acquistando su di voi un diritto speciale. Anche a voi è chiesto questa sera di distruggere l’aratro e i buoi: di lasciare interessi ed impegni anche legittimi, per porvi alla scuola di Cristo.

Chi vi darà la forza di iniziare questo cammino? "sulla tua parola getterò le reti", dice Pietro al Signore. Anche voi questa sera iniziate pubblicamente questo cammino di verifica, "gettando le vostre reti sulla parola del Signore".