home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


CENTO SECONDI PER LA VITA
OTTO BREVI INTERVENTI TRASMESSI DA TELEPACE
1997

1
LA DIGNITÀ DELLA PERSONA UMANA

“Chi di voi se ha cento pecore e ne perde una, non lascia le novantanove nel deserto e va dietro quella perduta, finché non la ritrova?”
E’ l’inizio di una delle più commoventi parabole del Signore. Che cosa ci commuove e ci stupisce ogni volta che ascoltiamo queste parole? E’ la cura che il Pastore ha di quell’una; la passione che sente per essa. Egli non pensa: “ma di che mi preoccupo? Su cento ne ho perso una solamente: me ne restano novantanove!”. Non solo. Il Pastore va a cercare quella sola “finché non la ritrova”. Egli non si stanca; Egli la rivuole vicino a sé.
Che cosa significa in fondo questo racconto? Che davanti a Dio ogni e singola persona ha un valore assoluto, possiede una preziosità infinita. Davanti al Signore non esiste il genere umano: esisto io, esisti tu; non esiste una folla più o meno grande di uomini e donne: esiste il singolo. Ecco perché pur restandogliene novantanove, si preoccupa di quell’unica.
Approfondiamo un momento questa verità. Poiché la persona, ogni persona, possiede un valore infinito, essa non può essere scambiata con niente. Gesù infatti ha detto: “Che cosa vale per l’uomo, guadagnare il mondo intero se poi perde se stesso?” Cioè: il mondo intero vale meno di una sola persona. Il valore della persona non dipende da ciò che ha, ma dal puro e semplice fatto di essere una persona. Allora non ci sono persone che valgono di più di altre o meno di altre: una persona già concepita e non ancora nata non vale meno di una persona adulta. Ogni persona gode della stessa dignità e merita lo stesso rispetto, la stessa venerazione.

2
IL FONDAMENTO DELLA DIGNITÀ DELLA PERSONA UMANA

“In Cristo ci ha scelti prima della creazione del mondo, predestinandoci ad essere suoi figli adottivi per opera di Gesù Cristo”.
Sono parole che troviamo nella Lettera agli Efesini: esse hanno un significato immenso. Ci svelano la ragione ultima, il fondamento ultimo della dignità infinita di ogni persona.
Due domande soprattutto ci portiamo dentro al core: da dove vengo? Dove sono indirizzato? “Da dove vengo?” cioè: che cosa spiega il mio esserci? E’ per caso che io esisto? Il fatto della mia vita è una pura casualità? Non esisti per caso. Tu esisti, perché sei stato scelto: sei stato pensato e voluto dal Padre che è nei cieli. Quando? Prima della creazione del mondo, Egli ti ha pensato, ti ha voluto. Ha pensato proprio a te; ha voluto proprio te. I tuoi genitori volevano, desideravano genericamente un bambino/una bambina. Il Padre che è nei cieli ha pensato a te e voluto te, quando il mondo non esisteva ancora. Ecco da dove vieni: tu vieni da un atto di amore del Padre.
Ma portiamo nel cuore anche un’altra domanda: dove vado? Cioè: a che cosa sono destinato? Al nulla eterno? “Predestinandoci ad essere suoi figli adottivi”: Egli ha voluto che tu esistessi, perché vuole che tu sia partecipe della sua stessa Vita, come figlio adottivo. Ora possiamo capire perché ogni e singola persona possiede una dignità infinita: a causa dell’intimo legame che unisce ogni e singola persona a Dio creatore e Padre. Ogni e singola persona è voluta in ogni istante della sua vita da Dio stesso, e chiamata a partecipare alla Sua stessa Vita divina. Anche tu, in questo momento! Ecco perché la persona umana non appartiene, non può appartenere a nessuno se non a Dio stesso; ecco perché Dio ha nel cuore un sorta di passione per ogni persona: è la sua creatura in modo unico, come non lo è nessun altra creatura.
“Che cosa è l’uomo perché te ne ricordi, il figlio dell’uomo perché te ne prendi cura?” si chiede il salmista. Al paragone dell’immensità dell’universo, la singola persona sembra niente. Eppure tutto l’immenso universo vale meno di una sola persona umana, poiché solo l’uomo è stato voluto da Dio per Se stesso.

 3
L’INVIOLABILITÀ DELLA VITA UMANA

“Domanderò conto della vita dell’uomo all’uomo, a ognuno di suo fratello, perché ad immagine di Dio Egli ha fatto l’uomo” (Gen. 9,5-6).
Queste solenni parole sono state dette dal Signore Iddio a Noè, dopo il diluvio, ed in Noè ad ognuno di noi. Non toccare, non violare la dignità di una persona umana, non distruggerne la vita, perché te ne sarà chiesto conto: nessuno ha diritto di disporre della vita di un altro.
 La persona umana e la sua vita sono inviolabili, perché sono proprietà esclusiva e dono di Dio Creatore e Padre: Egli è l’unico Signore della persona e della vita umana. Dobbiamo pensare questa “proprietà” che Dio Creatore e Padre esercita nei nostri confronti non come un arbitrio minaccioso, bensì come cura e sollecitudine di Padre per ciascuno di noi. Egli conta - dice Gesù - perfino i capelli del nostro capo e non ne cade neppure uno, senza che Egli lo voglia. Dobbiamo sentire profondamente, intimamente questa appartenenza al Signore, che ci rende inviolabili di fronte a tutti, come la sentiva il salmista: “Io sono tranquillo e sereno come bimbo svezzato in braccio a sua madre”.
Questa inviolabilità della persona nella sua vita, fondata ultimamente sulla singolare relazione che ogni persona ha con Dio Creatore, si esprime nel comandamento: “Non uccidere”. “La scelta deliberata di privare un essere umano innocente della sua vita è sempre cattiva dal punto di vista morale e non può mai essere lecita” (EV 57): anche quando una sedicente legge umana lo giustificasse.
Questa proibizione “non uccidere” riguarda ugualmente ogni essere umano innocente: nel diritto alla vita, ogni persona umana innocente possiede la stessa inviolabilità. Essere padrone del mondo o l’ultimo miserabile si questa terra, non conta nulla. Davanti alla legge di Dio “non uccidere” siamo tutti assolutamente uguali. Anzi, se mi è consentito esprimermi in questo modo, qualcuno è più uguale degli altri. Chi? i più deboli, i più indifesi. Sono soprattutto due categorie di persone: la persona già concepita e non ancora nata, e la persona ammalata di una malattia ormai terminale. E di queste due persone e dei due abominevoli delitti che le privano della loro vita, parleremo nei prossimi due incontri.

4
L’ABOMINEVOLE DELITTO DELL’ABORTO

“Prima di formarti nel grembo materno, ti conoscevo; prima che tu uscissi alla luce, ti avevo consacrato” (Ger. 1,5).
Queste parole sono state dette dal Signore al profeta Geremia, ma sono vere anche per ciascuno di noi. Esse, se le ascoltiamo nel cuore, suscitano un’indescrivibile commozione. Parlano del formarsi della persona umana nel grembo materno e ci dicono che questo avvenimento, così mirabile e misterioso, non accade per caso: quella persona che viene concepita e formata sotto il  cuore della madre, è già conosciuta e voluta nel cuore di Dio. ecco perché fra i delitti che l’uomo può compiere contro la vita, l’aborto procurato è semplicemente “abominevole”. Esso è, infatti, l’uccisione deliberata e diretta, comunque venga attuata, di una persona umana nella fase iniziale della sua esistenza, quella compresa tra il concepimento e la nascita. Perché è un delitto “abominevole” più di chiunque altro? perché uccide la persona più innocente che esista; perché uccide la persona più debole ed incapace di difendersi che esista; perché uccide la persona che più di ogni altra si affida alla cura degli altri.
Esiste oggi attorno a questo abominevole delitto una vera e propria congiura della menzogna, che mira a nascondere la realtà, anzi a chiamare bene il male. Si chiama infatti l’aborto, una “libera decisione” per la maternità. In realtà, la donna che ricorre all’aborto, non decide se diventare o non madre: ella è già madre. Decide semplicemente di uccidere il proprio figlio, che già esiste. Anzi, ancora peggio, si cerca di far rientrare l’aborto nei programmi di “salute riproduttiva”: come se la maternità fosse una malattia! Non solo, ma si presentano le legislazioni abortive come scelta di rispetto delle varie opinioni in una società sempre più pluralista: l’unica opinione a non essere rispettata è tuttavia quella della persona più interessata a tutta la questione, quella che vive nel grembo materno!
“Quello che avete fatto al più piccolo di questi miei fratelli, l’avete fatto a me!”: nel bene e nel male!

5
IL DELITTO DELL’EUTANASIA

“Sia che viviamo, sia che moriamo, siamo dunque del Signore” (Rom 14,8).
Sono parole che l’apostolo Paolo scrisse ai cristiani di Roma ed attraverso li lui lo Spirito Santo a ciascuno di noi. Sono stupende: esse ci parlano della verità della nostra totale appartenenza al Signore, in qualsiasi condizione noi ci troviamo. In qualsiasi condizione, in qualsiasi situazione non cessa la nostra appartenenza al Signore, poiché niente, né morte né vita, ci può separare dall’amore che il Padre ha per ciascuno di noi. Proviamo allora a prendere in esame una situazione umana molto particolare, quella della malattia. Anzi, della c.d. malattia terminale, la malattia cioè giunta ad un tale grado di gravità da non consentire più speranza alcuna di guarigione, ma solo l’imminenza della morte, spesso fra sofferenze gravi.
Di fronte ad una persona umana che si trova in queste condizioni, che cosa significa “rispetto della dignità della persona e delle vita umana”? Non significa certamente due cose, sulle quali vorrei attirare la vostra attenzione.
- Non significa attribuirsi il diritto di procurarsi in anticipo la morte o di procurarla ad altri, ponendo così fine «dolcemente» alla vita propria ed altrui. E’ l’eutanasia, cioè un’azione od omissione che di natura sua e/o nell’intenzione procura la morte, allo scopo di eliminare ogni dolore. L’eutanasia, dunque, può configurarsi, o come suicidio o come omicidio. Sia in una forma sia nell’altra, l’eutanasia è, nella sua intima natura, rifiuto di riconoscere la sovranità assoluta di Dio sulla vita e sulla morte. Quando poi l’eutanasia assume la forma dell’omicidio, acquista una particolare gravità: sulla base di che cosa medici e legislatori si arrogano il diritto di decidere chi merita di vivere e chi deve morire?
- Rispetto della vita dell’ammalato terminale non significa neppure ciò che oggi viene chiamato accanimento terapeutico, cioè interventi medici non più adeguati alla reale situazione dell’ammalato, perché ormai sproporzionati ai risultati che si potrebbero sperare e anche perché troppo gravosi per lui e la sua famiglia. Rinunciare a questi trattamenti assolutamente sproporzionati significa semplicemente riconoscere umilmente la nostra condizione di creature davanti a Dio.
- Non dunque eutanasia, non accanimento terapeutico, ma la via dell’amore e della vera pietà, che aiuta il malato all’incontro definitivo col Signore: “nessuno di noi vive per se stesso e nessuno muore per se stesso...”.

6
LA DIGNITÀ DELL’AMORE CONIUGALE

“Dio li benedisse e disse loro: siate fecondi e moltiplicatevi, riempite la terra” (Gen 1,28).
Queste parole ci svelano un grande mistero: all’origine di ogni persona umana non sta solamente l’atto creativo di Dio, ma anche l’atto generativo dell’uomo e della donna. Perché questo è un grande mistero? perché in questo avvenimento si ha una certa partecipazione-cooperazione dell’uomo e della donna all’opera creatrice di Dio. E’ un fatto che ci riempie di profonda  commozione. Il Padre celebra il suo Amore redentivo, quando nei templi celebriamo la divina Eucarestia; il Padre celebra il suo Amore creativo, quando due sposi si uniscono, divenendo due in una sola carne, ponendo  le condizioni del concepimento di una nuova persona umana. L’atto dell’amore coniugale è il tempio santo in cui Dio celebra la liturgia del suo Amore creatore. Se devono essere degni, santi e pieni di bellezza i templi di pietra, nei quali Dio celebra il suo Amore redentivo, non meno degno, santo e pervaso da intima bellezza deve essere il tempio dell’amore coniugale in cui Dio celebra il suo Amore creativo.
Ora siamo in grado di renderci conto di tutta la dignità che possiede e deve possedere l’atto della generazione umana. Essa non è un evento puramente biologico, teso a dare origine ad un individuo, per perpetuare una specie, quella umana. Come già abbiamo detto tante volte, questo modo di pensare non rispetta la verità della persona. Ogni persona è scelta, cioè pensata e voluta già prima della creazione del mondo: il suo concepimento quindi non è un evento dovuto al casuale incrociarsi di forze impersonali. Nella biologia della generazione è inscritta la generazione della persona: è presente l’attività creativa di Dio. L’attività generativa umana è in un certo senso il “sacramento” dell’attività creativa di Dio: l’amore del Creatore trova la sua adeguata cooperazione nell’amore dei due sposi. Non era dunque un’esagerazione, quando un Padre della Chiesa affermava che il matrimonio era stato elevato al di sopra di tutti i doni terreni perché artefice di immagini di Dio.
Vedete: la dignità della persona e della vita umana ci ha condotti a contemplare la dignità del matrimonio e dell’amore coniugale. La stima dell’una sta in piedi o cade assieme alla stima dell’altro. Infatti fra vita umana, dono della vita ed amore coniugale esiste un nesso intrinseco: averlo spezzato è stato una delle grandi disgrazie spirituali del nostro tempo. Ma di questo parleremo nel prossimo incontro.

7
LA PROCREAZIONE ARTIFICIALE E LA CONTRACCEZIONE

La dignità della persona umana, il rispetto assoluto che si deve alla sua vita, esigono che la vita umana abbia origine non in un  qualsiasi modo, ma in un modo tale che colui che va ad essere concepito sia rispettato nella sua dignità infinita. Quale è il modo giusto, cioè adeguato alla dignità sua propria, di concepire una persona umana? Ne esiste uno solo: l’atto proprio dell’amore coniugale, quell’atto cioè in cui i due sposi si donano reciprocamente così da essere “due in una carne sola”. Perché solo questo modo rispetta la dignità della persona? Proviamo ad esaminare l’altro modo, cioè quello artificiale. Intendo parlare della fecondazione in vitro.
Questo procedimento è tale per cui chi pone le condizioni del concepimento non sono più gli sposi, ma un tecnico. Gli sposi offrono solo il “materiale germinale” che poi, debitamente manipolato dal tecnico, potrà dare origine ad una persona umana. Se riflettiamo attentamente, noi vediamo in questo procedimento una vera e propria produzione di una persona: ora si producono le cose, non le persone.
Che questo procedimento sia governato da una “logica produttiva” è confermato puntualmente da molti elementi. Si producono più embrioni, per essere sicuri del risultato. Si chiamano “embrioni sovra-numerari”: l’espressione è terribile! Una persona può essere in sovra-numero? In ordine a che cosa? ma la persona umana non è semplicemente numerabile! ognuna è unica nel suo incalcolabile valore. Inoltre, ormai un bambino non lo si rifiuta più a nessuno: alle coppie lesbiche o gay; alla donna anziana e sola. E’ la tremenda logica del “bisogno-richiesta-offerta”. Si dimentica semplicemente che il concepito è una persona! E nessuna persona può essere vista solo come qualcosa di cui ho bisogno per la mia felicità, a cui ho diritto. Ho diritto alle cose, non alle persone.
Ma la rottura del vincolo che lega amore coniugale a dono della vita, non va solo nel senso che si separa la vita dall’amore coniugale colla procreazione artificiale, ma anche nel senso che si separa l’amore coniugale dalla vita con la contraccezione. La contraccezione contraddice precisamente l’integra verità dell’amore coniugale e della sua espressione propria.
Ricuperare pienamente il senso della dignità della vita e del suo valore equivale in primo luogo a recuperare una profonda stima dell’amore coniugale: una profonda stima di cui oggi sentiamo urgente bisogno.

8
GESÙ CRISTO, RIVELAZIONE DELLA NOSTRA DIGNITÀ

“Il Verbo si è fatto carne ed ha preso dimora fra noi”.
Siamo giunti alla fine di queste nostre riflessioni sul valore della vita umana, sulla dignità della persona. Le sette riflessioni precedenti erano come sette raggi che, pur partendo da punti di vista diversi, andavano tutte verso un centro. Quale? Gesù Cristo, la sua persona, la sua vita, la sua morte e risurrezione. E’ in Lui infatti che noi vediamo, noi conosciamo la verità intera circa l’incomparabile dignità della persona umana ed il valore della vita. Egli infatti è il Dono che il Padre ci ha fatto, perché noi avessimo la vita e l’avessimo in abbondanza. In Lui noi abbiamo la suprema rivelazione di quanto il Padre sia interessato a ciascuno di noi, se per salvarci ha deciso che il suo Unigenito Figlio morisse sulla Croce. Ed infatti, quando l’uomo scoprì, seppe durante la notte di Natale, per la prima volta, che Dio era venuto a visitarlo in quel modo, si accese nel suo cuore un immenso stupore: lo stupore di fronte alla dignità della sua persona. Quello stupore non è più cessato: è il Vangelo, è il Cristianesimo.
Ma vorrei richiamare la vostra attenzione, ammirata e stupita, su due aspetti dei questa rivelazione della dignità dell’uomo, che risplende in Gesù Cristo.
Egli ha percorso tutto il cammino dell’esistenza umana, anche i nove mesi dentro al grembo di una donna. Anzi la prima volta che l’uomo riconobbe che Dio lo aveva visitato, fu quando si trovava ancora nel grembo di Maria; non solo, ma a riconoscerlo fu un’altra persona umana già concepita e non ancora nata. Oh mirabile incontro, il primo, dell’uomo col Dio fatto uomo! ambedue ancora nel grembo materno.
L’altro aspetto su cui voglio richiamare la vostra attenzione è il seguente: il Verbo fattosi uomo si identificò coi più piccoli! Quale meraviglia questa umiltà di Dio, e nello stesso tempo come ora risplende la gloria della persona umana come tale, come persona umana! Egli arrivò perfino a dire: “quello che avete fatto a uno di questi piccoli, l’avete fatto a me”. Mai era stata annunciata una tale identificazione: ciò che si fa al più piccolo degli uomini, è fatto al Figlio di Dio, a Dio stesso.
Sia sempre nel nostro cuore questa certezza: la certezza che ciascuno di noi ha davanti a Dio un valore assoluto.