home
biogr.
english
español
français
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


INTRODUZIONE ALLO STABAT MATERdi G. B. Pergolesi
Chiesa S. Maria Nuova e S. Biagio
20 marzo 1998


Ciò che questa sera stiamo vivendo è come l’introduzione alla Grande Missione che inizieremo domenica. E sento profondo il bisogno più che il dovere di ringraziare  chi ha reso possibile questo momento: l’orchestra del Conservatorio di Ferrara, il Centro Culturale “L’umana avventura”, in particolare il Dott. Carlo Tellarini, tutti.
 E’ un modo singolare di introdurci nella Missione, ma è forse quello più adeguato: essere aiutati a concentrare tutto noi stessi – intelligenza e cuore, affettività e sentimento, ragione e passione – sull’avvenimento che in fondo la Missione vuole fare incontrare ad ogni ferrarese. Ora solo l’arte, (la musica in particolare) è capace di introdurre tutto l’uomo alla contemplazione del Mistero della nostra salvezza. E’ questo mistero che vogliamo sia annunciato a ciascuna casa: l’amore di Dio che si manifesta nella morte di Cristo. “Ed io ti amo”, abbiamo scritto su tutti i muri della nostra Città.
 Ma c’è un fatto che sembra contestare quest’affermazione, che la fa suonare come falsa: la sofferenza e la morte. L’esperienza della sofferenza e della morte è il vero banco di prova: se infatti non ha senso il morire, allora non ce l’ha neppure il vivere, dal momento che questo finisce inevitabilmente in quello. Ha ragione chi ha ragione in punto di morte. Il cristianesimo è un morto risorto in carne ed ossa: è uno che ha vinto la morte e ci vuole rendere partecipe di questa nuova vita.
 Questa sera sentiremo narrare l’esperienza straordinaria di un uomo, un giovane poco più che ventenne che già si sapeva condannato alla morte imminente. Quel giovane ha trasformato questa “condanna” nella certezza che anche nel disfacimento della sua giovane persona, nulla di vero e di buono andava perduto. Quest’esperienza egli l’ha narrata, narrandoci il dolore di Colei che più di ogni altro ha vissuto e risolto l’intima contraddizione del nostro vivere: Maria ai piedi della Croce.
 Solo una lingua era capace di narrare tutto questo: la musica. Questa narrazione finisce allo stesso modo con cui finisce la nostra professione di fede: Amen. Cioè: sì, è così! Soltanto Cristo può far percepire e vivere interamente l’amore, la bellezza, la giustizia: anche ad un giovane di soli 26 anni distrutto dalla tisi ossea.
 Finis. Deo gratias: scrive Pergolesi alla fine dello spartito. Morirà dopo pochi giorni. E’ il sigillo messo sulla breve esistenza di un giovane “che nell’Amen innalza, dal suo stato rattrappito dalla malattia, il più fulgido ringraziamento al Mistero che salva attraverso il dolore”.