home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017
Comitato "Cardinale Carlo Caffarra"


Marginalia al libro di A.Socci I nuovi perseguitati, ed. Piemme, 2002.
Ferrara, 25 settembre 2002

Abbiamo ascoltato testimonianze e riflessioni intense sul fatto del martirio. A me non resta che presentarvi, a modo di conclusione, alcune brevissime riflessioni organizzate come risposte a due domande.

1. Perché il martirio disturba tanto la coscienza dell’uomo occidentale, al punto che si cerca in ogni modo di censuralo? Perché il martirio è la più radicale contestazione di alcuni "dogmi" che si vogliono indiscutibili. Quali?

- Che non esiste nessuna verità sull’uomo che non possa essere oggetto di contrattazione: il martire sconfessa come illusoria e falsa ogni convivenza sociale che si voglia costruire sul consenso a regole meramente formali e procedurali.

- Che non esiste nessuna libertà se si afferma un primato della verità sulla libertà medesima: il martire sconfessa questa libertà sganciata dalla verità come illusoria, perché sempre esposta alla tirannia dei propri interessi e degli interessi del potente di turno. Il martire è veramente libero perché è liberamente vero. "Ma se c’è in me la verità – deve esplodere. Non posso rifiutarla, rifiuterei me stesso" [K. Woytila, Tutte le opere letterarie, ed. Bompiani, Milano 2002, pag. 87]

- Che chiunque non accetti questi due dogmi è un intollerante, un violento: il martire sconfessa questa pseudo-intolleranza, perché è lui stesso a subire il massimo della violenza.

2. Perché la Chiesa vede nel martire la perfezione della fede? Perché in esso l’uomo raggiunge in Cristo la pienezza del dono di sé, che è il significato ultimo del vivere. Nella Chiesa, "nei secoli, parola e sangue procedono insieme uniti dal soffio occulto dello Spirito" [K. Woytila, op. cit. pag. 241].

E’ per questo che all’inizio del terzo millennio possiamo mettere mano al Disegno di Dio sulla storia perché sulla nostra libertà insidiata è stato versato il sangue di tanti martiri.