home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


"La santità del laico: Concilio Vaticano II e don Barsotti"
relazione al Convegno "La funzione e il ruolo del laico nella Chiesa e nel mondo nel pensiero di don Divo Barsotti"
6 maggio 2006


La molteplicità degli impegni pastorali avrebbero dovuto convincermi a rifiutare l’invito di p. Serafino a svolgere questo tema. La profonda gratitudine che devo a don Divo soprattutto per l’affetto che mi ha donato, mi ha convinto e quasi costretto ad accettare. Stretto fra queste due opposte esigenze ho dovuto dare alla mia riflessione un andamento ed un profilo molto semplice, quasi una sorta di lettura un poco meditata e un confronto di testi conciliari e barsottiani. Altri sapranno fare molto meglio di me. E soprattutto, don Divo anche a livello dottrinale è stato un dono così grande fatto alla Chiesa, che solo tempo e studi prolungati ed approfonditi consentiranno alla Chiesa medesima di goderne il più possibile.

Seguirò una via in un certo senso obbligata nella mia esposizione. Nel primo punto cercherò di fare una esposizione molto sintetica della dottrina del Vaticano secondo; nel secondo punto cercherò di balbettare qualcosa sulla dottrina di don Divo; alla luce di un elementare confronto colla tradizione conciliare.

1. La dottrina del Concilio

Il tema specifico della santità dei laici in quanto tali viene esplicitamente affrontato nella Cost. dogm. Lumen gentium 41, cpvv 5-6. È quindi necessario per comprendere questo tema del magistero conciliare inserirlo nel suo contesto che è la "vocazione universale alla santità nella Chiesa".

Notiamo subito che il Concilio non scrive "della Chiesa", ma "nella" Chiesa. Questa precisione linguistica ha almeno due significati degni di essere sottolineati. La Chiesa come tale è santa. La santità per la Chiesa non è solo, è più che una vocazione; essa infatti appartiene alla sua stessa essenza. Inoltre la vocazione alla santità è una vocazione alla santità nella Chiesa: è la Chiesa il luogo in cui il battezzato è chiamato alla santità e deve realizzare questa vocazione. In breve: nella Chiesa si può essere e diventare più o meno santi, ma non si può essere e diventare più santi della Chiesa.

Fatte queste brevi ed elementari premesse, è subito da chiedersi: che senso ha fondamentalmente parlare di "vocazione universale alla santità" secondo il Concilio? Rispondiamo vedendo quale significato veicoli ciascuna delle tre parole, ma non seguendo l’ordine con cui sono poste.

La santità. Nel magistero conciliare il termine denota non in primo luogo la condizione della persona che è il frutto delle sue scelte, la condizione in cui si trova chi ha agito in un certo modo, in modo virtuoso cioè. Il termine non veicola in primo luogo un significato morale.

Esso invece denota la qualità dell’essere della persona che è frutto di un atto di Dio stesso. Il termine cioè veicola in primo luogo un significato ontologico-teologale. Dice il Concilio: "I seguaci di Cristo chiamati da Dio non in base alle loro opere ma al disegno della sua grazia, e giustificati nel Signore Gesù, sono stati fatti veri figli di Dio col battesimo della fede, resi partecipi della natura divina, e perciò realmente santi [reapse sancti effecti sunt]" [LG 40,1; EV 1/388]. La santità consiste nella partecipazione da parte dell’uomo alla natura divina, in forza della quale [partecipazione] è stata comunicata all’uomo la partecipazione alla divina figliazione del Verbo e quindi "sono stati fatti veri figli di Dio". Santità, partecipazione alla natura divina, figliazione divina sono per il Concilio termini sinonimi.

Si faccia attenzione che nella definizione descrittiva che il Concilio ci dà della santità, tutti i verbi usati hanno la forma passiva. Questo fatto linguistico rivela l’intuizione di fondo: la santità cristiana è dono ricevuto; l’uomo…. è "al passivo". Ma data la natura del dono ricevuto – partecipazione alla divina figliazione del Verbo – e la natura del donatore – il Padre per mezzo dello Spirito in Cristo – e la natura del donatario – la persona umana che è soggetto e non oggetto – la "passività" implica la "attività". In un duplice senso: libero consenso al dono mediante l’obbedienza della fede; libera corrispondenza nelle scelte che realizzano la persona.

Il testo conciliare infatti continua nel modo seguente: "Con l’aiuto di Dio essi devono quindi mantenere e perfezionare, vivendola, la santità che hanno ricevuta". Si faccia bene attenzione. Si introduce a questo punto, e solo a questo punto, una categoria etica, quella del dovere: poiché sei [santo], dunque devi [vivere santamente]. La libertà realizza nelle scelte l’essere della persona secondo l’indicazione dei suoi dinamismi: persona e atto. In questo senso, essenziale ma gerarchicamente secondo, la santità è un dovere di ogni battezzato; è anche libera realizzazione della propria persona.

Ma su questo punto il Concilio richiama coerentemente una dottrina centrale alla visione cristiana dell’etica. Partiamo come sempre dalla lettura del testo magistrale: "Ha mandato … a tutti lo Spirito Santo che dall’interno li muove ad amare Dio con tutto il cuore, con tutta l’anima, con tutta la mente e con tutte le proprie forze e ad amarsi reciprocamente come Cristo ha amato loro". L’esercizio della libertà che mantiene e perfeziona la santità ricevuta, non è un esercizio auto-nomo; non è un esercizio etero-nomo; è un esercizio teo-nomo per la presenza nel cuore del giustificato dello Spirito Santo unica legge del figlio di Dio. Nell’obbedienza allo Spirito il santo raggiunge la pienezza dell’autonomia nella piena consapevolezza di obbedire alle mozioni dello Spirito. Per cui tutto lo sforzo etico dell’uomo mira a che lo Spirito Santo possa prendere possesso della sua libertà; a che lo Spirito Santo possa liberare la libertà dell’uomo dal peccato e dalla legge: "l’unica santità che viene vissuta [una sanctitas] da coloro che sono mossi dallo Spirito di Dio" [n. 41,1; EV1/390].

Da ciò deriva una conseguenza assai importante: la coincidenza della santità cristiana con [l’esercizio de] la carità. Il testo conciliare indentifica la vitae christianae plenitudo e la caritatis perfectio: la vita del cristiano è vissuta pienamente cioè secondo tutta la sua potenzialità quando la perfezione della carità è raggiunta, cioè …mai! Nel senso che la carità può crescere indefinitivamente [cfr. 2,2, q.24, a.7].

L’universalità [della chiamata]. Ora siamo in grado, penso, di cogliere il significato del termine "universale".

Il Concilio definendo il concetto di santità secondo i suoi due significati fondamentali gerarchicamente ordinati, quello ontologico e quello etico, in realtà ha descritto la condizione di ogni battezzato. Se si legge infatti il primo cpv. del n. 41 della Lumen gentium, che è il testo dottrinalmente più importante, si può costatare che quanto esso dice, può e deve essere detto di ogni battezzato.

Quando dunque si usa il termine "universale" in questo contesto, esso connota una realtà che non appartiene solo ad alcuni fedeli. E siamo così arrivati all’ultimo termine ancora da spiegare.

La vocazione. Ciò che appartiene, senza esclusione di nessuno, ad ogni battezzato è la "vocazione alla santità". Che cosa significa "santità" nel testo conciliare l’ho già detto. Che cosa significa "vocazione"?

Esso connota in primo luogo un’azione divina. Secondo la dottrina paolina, quando il testo conciliare, come abbiamo visto, definisce la santità cristiana, inizia dal richiamare l’atto divino del "chiamare" l’uomo: "i seguaci di Cristo, chiamati da Dio …". Ogni uomo è chiamato non ad essere in un qualsiasi modo. Esiste un solo pensiero o progetto di Dio a riguardo dell’uomo: la partecipazione di questi alla vita divina in Cristo. Cioè: ogni uomo è chiamato ad essere santo.

Ma il termine connota anche quell’azione divina che muove l’uomo a vivere mantenendo e perfezionando la santità ricevuta. Ogni battezzato è "sollecitato" dallo Spirito alla perfezione della carità, cioè è chiamato alla santità. La vocazione connota quindi la realizzazione da parte del Padre del progetto a riguardo di ogni uomo di renderlo partecipe alla divina figliazione del Verbo: in questo senso il contenuto della vocazione con cui Dio chiama ogni uomo è la santità; è la vocazione universale alla santità.

È dentro a questo contesto che il Concilio specifica il suo magistero parlando della santità dei laici. È l’importante n. 41 della Lumen gentium.

Partiamo dalla prima affermazione che è quella anche più importante: "Nei diversi generi di vita e di occupazioni è sempre l’unica santità che viene vissuta da coloro che sono mossi dallo Spirito di Dio" [EV 1/390].

C’è una tensione dialettica nel testo fra l’unità della santità cristiana [una sanctitas] e la diversità dei generi di vita e conseguenti compiti [vitae genera et officia]. È la tensione che è presente e deve essere mantenuta nell’esistenza cristiana; fra oggettività della vocazione cristiana alla santità e la soggettività della storia personale di ognuno.

Non esiste nulla di più impersonale della vocazione cristiana. La santità cristiana è pensata da Dio; è conformità a Cristo: è un dato oggettivo. Ma non esiste nulla di più personale poiché ogni persona colla sua storia propria è irripetibilmente unica e realizza nella sua vicenda personale quel Dato oggettivo. L’una sanctitas non si realizza che nella diversitas vitae; e la diversitas vitae è l’originale interpretazione dell’una sanctitas.

Questa dialettica va custodita, altrimenti se l’una sanctitas distrugge la diversitas vitae, la Sposa di Cristo viene offuscata nella sua bellezza; se la diversitas vitae attrae a sé l’una sanctitas, uno stato di vita diventa modello prevaricante di ogni altro.

La domanda dunque sulla santità dei laici è posta correttamente secondo il Concilio se posta nel modo seguente: quale "figura" assume l’una sanctitas nel laico?

Il testo conciliare della Lumen gentium, quello dottrinalmente più importante, non dà una risposta a questa domanda in quanto preferisce offrire alcuni profili di quella figura: i coniugati; il lavoro.

In realtà la Lumen gentium aveva già esposto la sua dottrina sui laici [cfr. 30-38]. Soprattutto il n° 31 che è di particolare interesse.

Definita la natura propria del laicato mediante la categoria della secolarità, il Concilio conclude che la missione propria del laico è di realizzare la santità dentro il secolo inteso come modo di vivere loro proprio: la perfezione della carità dentro le pieghe della quotidianità umana. E la ordinaria quotidianità dell’esistenza è fatta di affetti, di lavoro, di sofferenza… Nella santità del laico è rigenerato in Cristo l’ordine della creazione.

Resta un’ultima questione di non secondaria importanza per avere un’intelligenza precisa del magistero conciliare sulla santità: che rapporto esiste fra la una sanctitas e la pratica dei consigli evangelici? La ragione per cui la domanda si pone è che non rari testi neotestamentari indicano la via dei consigli evangelici come la via per realizzare la santità cristiana.

Leggiamo prima di tutto il testo conciliare: "Nei singoli [la santità] si esprime in forme diverse, perché ognuno tende alla perfezione della carità ed edifica gli altri nel proprio genere di vita. In modo tutto speciale si manifesta nella pratica di quei consigli che si è soliti chiamare evangelici [proprio quodam modo apparet]".

Il testo va bene interpretato. Non va inteso nel senso che la santità si manifesta propriamente nella pratica dei Vangeli. La conseguenza infatti sarebbe che fuori di questa pratica si manifesterebbe impropriamente. Come a dire: solo chi pratica i consigli realizza in senso proprio la santità. In che contraddice tutto l’insegnamento del Vaticano secondo.

Il Concilio in realtà dice qualcosa di diverso. Spero di averlo compreso; e comunque ecco come ho capito il magistero conciliare.

La pratica dei consigli evangelici esprime a livello di simbolo oggettivo e reale l’alleanza con Cristo nella perfezione della carità in un modo che nessuna parola umana e condizione di vita è in grado di dire

Faccio l’esempio del matrimonio e della verginità. Pur essendo sacramento del vincolo che unisce nella carità Cristo e la Chiesa e nella Chiesa il battezzato, questo vincolo Cristo – Chiesa è tuttavia oltre alla forma della coniugalità umana. È di natura diversa pur assumendola e facendone un rimando a se stesso [un sacramento]. La condizione verginale esprime invece il vincolo Cristo – Chiesa in un modo che nessuna realtà creata sa dire: il vincolo della carità nell’indivisione del cuore.

Il Concilio usa un’espressione molto accurata: la perfezione della carità "proprio quodam modo apparet". Cioè: è l’esigenza espressiva della carità – l’essere un solo spirito/corpo col Signore – che trova il suo linguaggio proprio nella pratica dei consigli, anche se è realizzabile in ogni condizione di vita.

Da ciò mi sembra che derivi una conseguenza: non solo è possibile vivere da laici la pratica dei consigli evangelici, ma ogni esistenza cristiana deve rispettare la logica propria dei consigli evangelici.

2. La santità del laico in d. Divo Barsotti

Vorrei ora esporre brevemente il pensiero di don Divo circa la santità del laico, alla luce del confronto col magistero conciliare.

È la mia un’esposizione lacunosa da vari punti di vista. Penso che lo scavo vero e proprio di natura teologica in primo luogo, in quella grande miniera che sono gli scritti del Padre sia appena agli inizi. Per quanto mi riguarda però, … l’amore scaccia la paura.

Inizio da una lettera alla comunità del 24 ottobre 1960 e riportata anche nel Manuale CFD [ed. 1998] a pag. 128 ss. È uno scritto di fondamentale importanza e di forte impronta autobiografica ["vi debbo scrivere sotto la forte impressione, credo, di un’ispirazione divina"]. In esso narra il sorgere nel suo spirito dell’intuizione carismatica che ha generato la comunità. "Essere i testimoni di Dio: rivelare la sua santità, la sua purezza infinita, essere come una sua presenza per gli uomini quaggiù sulla terra. Ebbene, stanotte sono risuonate continuamente nell’intimo della mia anima le parole di Gesù: le ripetevo per me, le ripetevo per voi: ut sitis filii Patris vestri… Essere figli e rivelare con tutta la nostra vita questo mistero ineffabile dell’amore divino".

Si ha qui l’identificazione fra la santità e la divina figliazione, come – lo abbiamo visto – ci è stato insegnato dal Concilio. Ma nell’esperienza vissuta quella notte da don Divo si ha anche una forte tensione missionaria, se così posso dire. È la testimonianza di Dio nel mondo mediante la santità della persona e della vita del figlio adottivo: la testimonianza del "mistero ineffabile dell’amore divino". Credo che don Divo avrebbe profondamente gioito nel leggere l’enciclica di Benedetto XVI.

Ho la convinzione che la "notte di S. Sergio" abbia in seme donato a don Divo l’intero carisma della comunità: la figliazione divina che rende il santo pura trasparenza dell’amore e testimone di Dio nel mondo. Mi fermo ora ad analizzare brevemente.

Uno dei testi dove don Divo ha più lungamente meditato sul concetto, meglio sulla realtà della santità cristiana è stato nell’Adunanza del 9 maggio 1976 commentando 1Gv 3,1-2: "la Magna Carta della comunità", egli definisce questi due versetti biblici. È un testo complesso e lungo. Mi devo limitare a pochissimi punti fra quelli essenziali.

"Che cosa vuol dire santità? Che cos’è la santità? Lo dice chiaramente S. Tommaso d’Aquino: è la trascendenza stessa di Dio, la solitudine infinita dell’essere suo… Nella santificazione che cosa avviene? … Dio, donandoci il suo Spirito, ha trasferito noi nel mondo divino… È Lui [lo Spirito] che ci porta nel seno della Trinità ", perché ci rende figli realmente.

Questa è la santificazione operata da Dio nell’uomo e che trasforma l’uomo interamente: spirito, anima e corpo. "Ma il processo è dallo Spirito, all’anima, al corpo, perché Dio tocca lo spirito".

Don Divo non cessa di insistere e di richiamare tutti a non perdere mai la coscienza che questo è il cristianesimo; che in questo sta tutta la sua ricchezza ed il senso del suo esserci. L’ho visto piangere quando costatava che anche fra i cristiani si perdeva questa consapevolezza del soprannaturale, riducendo il cristianesimo a qualcosa di meno, anche se agli occhi del mondo più importante. Ed anche criticare la teologia che ha dimenticato il "dono ipostatico dello Spirito Santo". Il Vaticano secondo ha ripreso questa dottrina, nella quale – secondo don Divo – consiste l’elemento costitutivo della santità cristiana ["causa quasi – formale della santità", insegna il Tridentino].

In questa prospettiva, come abbiamo visto nel Concilio Vaticano secondo, la santità cristiana è una sola: la partecipazione dell’uomo alla vita divina; la divina figliazione partecipata. "Noi siamo nel Cristo, noi viviamo del Cristo, noi viviamo nel Cristo il rapporto col Padre". Da questo punto di vista, non ha senso parlare di una santità dei laici, dei sacerdoti, dei religiosi. Esiste una sola santità.

Tuttavia si può e si deve pensare che esista una santità dei laici come tali. Varie volte, per quanto ho potuto verificare, don Divo affronta questo tema. Mi sembra particolarmente importante il commento che egli fece precisamente al quarto capitolo della Cost. dogm. Lumen gentium sui laici nel ritiro del 20/21 marzo 1965.

Egli inizia da un punto fondamentale: "La prima cosa dunque da considerare è l’unità di tutto nella fede e nella carità. È certo, poi, che nella Chiesa, questa fede e questa carità, debbono essere vissute secondo i vari ministeri e le varie funzioni che sono proprie di organi diversi".

La domanda dunque è: come devono essere vissute fede e carità dal laico? Quale è il volto laicale dell’identità cristiana?

Nell’adunanza del 9 maggio 1976, esiste un testo che ci mette sulla via giusta per trovare la risposta.

"Allora che cosa vuol dire essere figli di Dio? … che noi viviamo una vita paradossale, siamo uomini di pena, come tutti solidali nel mondo del peccato, perché dobbiamo vivere ancora in un corpo di peccato, in un corpo soggetto al dolore. Certo, perché abbiamo una missione di salvezza". Richiamo soprattutto l’attenzione sull’ultima affermazione: la solidarietà col mondo del peccato è nella prospettiva di una missione propria del santo. Ed infatti il testo continua: "Noi, finché dobbiamo continuare la missione del Cristo dobbiamo vivere anche in una solidarietà col mondo del peccato, assumendo i condizionamenti propri dell’uomo terrestre. Ma il nostro vivere nel mondo del peccato non varrebbe a nulla se non vivessimo in Dio… il Cristo ha vissuto in due mondi, nel mondo del Padre, nell’unità col Padre e nel mondo dell’uomo, nella solidarietà col peccato … ugualmente noi dobbiamo vivere nello stesso tempo nel mondo di Dio - … - e nel mondo umano".

La circolare delle tempora di settembre 1964 riportata nel Manuale CDF [pag. 140 ss.] era stata ancora più precisa: "per consacrarci a Dio, per vivere la nostra consacrazione, non bisogna perciò separarci dai fratelli, vivere una vita straordinaria o comunque diversa dalla loro; anzi, nell’amore per loro che lo stesso amore di Dio ci ispira e alimenta, dobbiamo sempre più essere solidali con tutti: non distinguerci, ma identificarci a ciascuno". Dunque: ciò che divinizza l’uomo lo rende solidale col "mondo".

Ma questa non è ancora precisamente la risposta alla nostra domanda sul volto laicale dell’identica santità cristiana. Vivere nel mondo di Dio e nel mondo umano è comunque la condizione necessaria per santificarsi come laici.

Il laico assume nella propria vocazione cristiana le realtà di questo mondo vivendole: si sposa; esercita una professione; si impegna nell’attività politica.

Uno dei testi più profondi è la meditazione sul matrimonio cristiano tenuta nel ritiro di Biella del 13 maggio 1979.

Dopo aver richiamato esplicitamente la dottrina conciliare sulla vocazione universale alla santità, ecco come stupendamente esprime il suo pensiero: "Questo invito che oggi a voi è stato rivolto, non vi chiama ad uscire da quella che è la vostra vita: vi chiama a trasfigurare la vostra vita, a far sì che tutto quello che vi è di umano in voi divenga con semplicità e purezza sempre più investito dalla grazia divina, divenga divino in voi; nulla più. Ma è una cosa immensa … se voi viveste il matrimonio fino in fondo, non ci vorrebbe nulla di più per essere santi". Mi sembra che il volto laicale dell’identica santità cristiana sia la divinizzazione di ciò che è propriamente umano, di ciò che appartiene all’economia della creazione. Secondo il pensiero di don Divo, tutta l’estensione del nostro essere umani deve essere trasfigurato dalla grazia e tanto si deve estendere il nostro essere cristiani quanto si estende la nostra essenza di uomini, la nostra possibilità di uomini, il nostro potere, le nostre capacità, l’esercizio di ogni nostra attività umana. Non siamo uomini che sono cristiani, ma cristiani che sono uomini. È dentro a questa deificazione in Cristo della realtà che – se non sbaglio – don Divo disegna il volto laicale dell’unica santità cristiana.

"Che tutta la nostra vita divenga trasparenza alla presenza che Cristo" [Ritiro di Biella (12-05-79)].

Debbo ormai concludere questo secondo punto. E lo faccio con tre osservazioni finali.

La prima. Ho notato e quasi percepito, soprattutto in questa ultima tematica, una singolare sintonia fra don Barsotti e don Giussani. Sarà l’oggetto della prossima relazione. Parlando di S. Giuseppe Moscati, don Giussani definisce la santità cristiana soprattutto nel suo profilo laicale, colle seguenti parole: "Come tutti gli altri (santi), ha vissuto una vita come la nostra … Ma l’ordinaria quotidianità dell’esistenza si ingigantiva di momento in momento perché viveva del rapporto con l’Infinito, cioè della presenza di Cristo che diveniva habitus cosciente e nesso desiderato" [prefazione a P. Bergamini, Laico cioè cristiano. S. Giuseppe Moscati medico, Marietti 1820].

La seconda. Ho avuto la percezione che il tema conciliare della santificazione del mondo come missione del laico abbia nella riflessione di don Barsotti ricevuto una profondità teologica ed una registrazione mistica che non ho trovato altrove.

La terza. Studiando i testi barsottiani ho avuto l’impressione che don Divo posasse il suo sguardo piuttosto sull’una sanctitas piuttosto che sulla diversitas vitae. Sguardo tipicamente proprio del contemplativo e di chi in Cristo vede raccolto in un volume ciò che per l’universo si squaderna, direbbe Dante.

Conclusione

La riflessione che stiamo compiendo è di importanza fondamentale. L’unica, vera permanente riforma del mondo è la santità: "… nella misura che essi sono santi divengono solidali con un mondo di peccatori e viene chiesto loro, in quanto santi, l’anima di tutti gli altri".

Il potere del santo è la presenza nel mondo della regalità del Crocefisso.