home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


QUINTA STAZIONE QUARESIMALE
8 marzo 1996 - CHIESA DEL GESÙ

Fra le molte parabole narrate da Gesù, due sole sono riferite da tutti e tre i primi evangeli; una delle due è la parabola appena letta, quella dei “vignaioli omicidi”. Già da questo possiamo capire l’importanza di questa pagina evangelica. Lasciamoci dunque occupare completamente da essa.

1. La parabola è in primo luogo il racconto della storia della nostra salvezza, del rapporto fra Dio e l’uomo.
La S. Sacra Scrittura comincia a parlare dell’uomo nel modo seguente: “il Signore Dio piantò un giardino in Eden, a oriente, vi colloco l’uomo che aveva plasmato” (Gen 2,8). E’ lo stesso inizio della parabola: “Piantò una vigna, la circondò con una siepe ... poi affidò la vigna ad alcuni agricoltori”. Ecco l’inizio di tutta la nostra relazione con Dio stesso. L’atto creativo ci costituisce in una relazione piena di grazia, nella quale l’uomo è posto di fronte al suo Creatore, chiamato a produrre frutti di beni e di giustizia. “E se ne andò lontano”: Dio ci lascia liberi, liberi di rispondere al suo amore. Sono così presentati i due “attori” della storia, Dio e l’uomo: una storia che ora comincia ad essere narrata.
 “Quando venne il tempo del raccolto”: la nostra vita ci è stata donata come un patrimonio da far fruttificare e non da dilapidare. E “i frutti che il Signore della vigna desidera sono il ricordo ed il ringraziamento al Padre che dona e la condivisione col fratello che ha bisogno”. Ma che cosa accade? Accade qualcosa di inspiegabile. Da una parte, da parte dell’uomo, una progressiva chiusura ed un sempre più grande indurimento: “Uno lo bastonarono, un altro lo uccisero e l’altro lo lapidarono”. Dall’altra parte, da parte di Dio cioè, un progressivo esporsi al rifiuto con un amore che non è più capace di contenersi: “Mandò altri servi più numerosi dei primi” Quale mistero! In quale abisso di misericordia e di ostinazione siamo immersi dalla parola di Dio!
 Ed infatti, arriviamo al punto centrale di questo incontro-scontro fra la libertà dell’uomo e la libertà di Dio. Esso è introdotto in un modo singolare. Esso ci riferisce di una parola detta da Dio stesso. Egli fa appello alla sua sapienza divina. E’ una sorta di “divina angoscia” nel fare l’ultimo tentativo: “Rispetteranno mio figlio”. La parola ci scopre un poco il velo che copre il Mistero dell’Incarnazione del Verbo. L’origine di questo mistero è l’amore del Padre per l’uomo: Egli ama tanto il mondo da inviare il suo Figlio unigenito. Ed è l’ultima prova del suo Amore perché la libertà dell’uomo si affidi finalmente a Lui. E si ha il rifiuto anche di questi: “Per avere l’eredità”. Cristo, suprema rivelazione dell’Amore non invidioso, è visto come il concorrente, al possesso di se stessi, alla propria eredità. E lo uccisero. A questo punto la storia sembra finita. Un dramma senza via d’uscita: l’amore di un Dio che vuole essere amato perché l’uomo sia nella beatitudine; la libertà dell’uomo che si rifiuta sempre e comunque. La storia di un Amore infelice, che non ha sbocchi.
 Ma avviene un “capovolgimento” inaspettato. Ascoltate: “La pietra scartata dai costruttori...”. Che cosa significa? Significa che precisamente da quella morte, quella pietra scartata, il crocefisso, viene la nostra vita. Sulla croce i due si sono scontrati: l’Amore che si dona e la libertà che uccide. Ed il male fatto attua il disegno di salvezza. Come non esclamare: “o altezza della profondità...”.

2. Ciò che la parabola narra è la storia dell’umanità, è la storia di Israele, è la storia di ciascuno di noi: è la storia della nostra libertà che deve comunque fare i conti con l’Amore di Dio quale si rivela nel Crocifisso, nella pietra scartata dai costruttori. Questo “incontro” è il “nodo” della nostra esistenza: se lo eliminiamo, il nostro vivere perde ogni serietà.
 E nella nostra libertà sta inscritta la possibilità sia di inciampare contro quella pietra, sia di costruire su di essa la nostra vita.
 
 La Quaresima è il dono che il Signore ci fa perché vigiliamo, nella preghiera e nell’astinenza, e ci convertiamo al Suo Amore.