home
biogr.
english
español
français
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


Lettera in occasione della gara diocesana "Il presepio nelle famiglie e nelle collettività"
Bologna, 26 novembre 2004

- Ai Rev. Vicari Pastorali
- Ai Rev. Parroci
- Alle case religiose maschili e femminili
- Ai Responsabili di Scuole, Convitti,Ospedali, Caserme, Case di riposo Collegi, e ogni altra Comunità

Carissimi,

Siamo giunti alla cinquantunesima edizione della Gara Diocesana "Il Presepio nelle famiglie e nelle collettività", che anche quest’anno, entrando nel suo secondo mezzo secolo, raccoglie e perpetua una grande tradizione.

Il presepio bolognese, come tutti i presepi, è rappresentazione della nascita del Salvatore, e anche di come fu accolto, o rifiutato. E’ quindi rappresentazione del primo incontro degli uomini con Cristo, e in quel primo incontro nella storia subito si vide chi Lo accoglieva e lo riconosceva come senso della vita, e Lo adorava orientando a Lui la sua vita, e chi Lo rifiutava e anche Lo combatteva. Le semplici figure dei presepi da sempre annunciano la presenza di Cristo e mettono in guardia contro il sempre ricorrente rischio di non accoglierLo.

Ma fare il presepio è già una dichiarazione e un annuncio: far posto a Gesù Bambino nei luoghi dove quotidianamente si vive vuol dire che si intende far posto a Lui nella vita, e che si intende portargLi i doni delle nostre opere.

La bella gara in cui per cinquanta anni avete gareggiato in generosità, fantasia, accoglienza, è diventata una istituzione della nostra città: auspico di cuore che anche quest’anno gli ambienti della vita famigliare e del lavoro, quelli del ritrovarsi insieme, e anche le piazze e le strade si aprano alla rappresentazione del Figlio di Dio che per la prima volta si manifestò come tale a Pastori e Magi.

La nostra Diocesi diventerà un grande presepe, espressione esteriore del profondo dei nostri cuori: la gara sarà uno dei modi per onorare Gesù e annunciarLo al mondo. E questo annuncio è anche espressione di quella identità religiosa e culturale che è il nerbo della nostra vita, e costituisce il più prezioso patrimonio da trasmettere nell’educazione ai nostri figli e alle generazioni future.

Vi auguro di cuore un Santo Natale, e invoco su di voi la benedizione del Signore.