home
biogr.
english
español
français
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


Settimana Mariana 1998
OMELIA GIORNATA DELL’AMMALATO
Cattedrale Ferrara 3 ottobre 1998

1. “Fino a quando, Signore, implorerò e non ascolti, a Te alzerò il grido: «Violenza» e non ascolti?”. Ogni persona si riconosce in questo grido del profeta, poiché esso nasce dall’esperienza di una contraddizione drammatica. Da una parte la presenza del male, sotto le sue varie forme: nella pagina profetica, il male di una gestione della cosa pubblica violenta, giusta ed oppressiva del povero. Dall’altra parte la certezza di una Provvidenza divina che governa le cose umane e ad esse si interessa amorosamente. Vivendo dentro a questa situazione, il profeta prega: “fino a quando, Signore …” «Fino a quando»: il mistero della pazienza di Dio, della tolleranza del Signore nei confronti del male.
 Carissimi fratelli e sorelle ammalati, anziani, sofferenti: la pagina del profeta vi appartiene in un modo del tutto singolare. Quante volte, ne sono sicuro, vi sarete ritrovati a dire: “fino a quando, Signore?”: fino a quando implorerò la guarigione, la liberazione, la pace interiore, il rispetto per la dignità della mia persona, “e non ascolti”? Nonostante gli sforzi che si stanno sicuramente facendo, la condizione in cui versa la Sanità pubblica anche nella nostra città, non toglie nessuna attualità alla pagina profetica. La giusta preoccupazione di far quadrare i bilanci, non giustifica che la persona del malato sia la prima a dover entrare in questo logica del risparmio. Essa non può mai essere considerata una semplice voce di bilancio. Non solo, vicino ad esempi di grande attenzione alla persona dell’ammalato e dell’anziano, non cessano comportamenti di assoluto disprezzo della loro dignità, come dimostra la benemerita opera del Tribunale dell’ammalato. Permangono situazioni dentro le quali l’ammalato e l’anziano può in verità fare proprie le parole profetiche: “perché mi fai vedere l’iniquità e resti spettatore dell’oppressione? ho davanti rapina e violenza e ci sono liti e si muovono contese” .
 Ma il profeta ha trasformato la sua preghiera in domanda: ha interrogato il Signore. Così come lo facciamo noi quando ci troviamo in situazioni sopra descritte: fino a quando, Signore? Ed il Signore ascolta: “il Signore rispose”. Quale è la sua risposta?
 Prima di tutto, occorre notare che questa risposta non vale solo per il profeta. Egli infatti la deve accuratamente scrivere, così che tutti, anche noi oggi, possiamo conoscerla: “scrivi la visione e incidila bene sulle tavolette, perché la si legga speditamente”.
 E la risposta che il Signore ci dà è la seguente: “Ecco, soccombe colui che non ha l’animo retto, mentre il giusto vivrà per la sua fede”. Ciò che dà consistenza alla tua esistenza, ciò che impedisce alla tua persona di soccombere a causa della disperazione o della tristezza del cuore, è la fede. La situazione di malattia, di disagio, di violenza ed ingiustizia in cui ti trovi, vivila appoggiandoti sul Signore, fidandoti di Lui, avendo fede in Lui. E’ questo rapporto col Signore che dà solidità alla nostra vita. In sostanza, il dialogo del profeta, e di ciascuno di noi oggi col Signore,è il seguente: “fino a quando o Signore?” dice l’uomo; “appoggiati su di me” risponde il Signore.
 Un autore sacro del Nuovo Testamento, rivolgendosi ad una comunità di persone assai provate con prove di ogni genere, scrive: “non abbandonate dunque la vostra fiducia, alla quale è riservata una grande ricompensa. Avete solo bisogno di costanza, perché dopo aver fatto la volontà di Dio possiate raggiungere la promessa”. (Eb 10,35-36).

2. “In quel tempo, gli apostoli dissero al Signore: aumenta la nostra fede”. La fede che il Signore ci ha chiesto attraverso la parola profetica, è difficile ed impossibile alle nostre forze. E’ preghiera questa particolarmente necessaria per chi, come voi carissimi fratelli e sorelle ammalati ed anziani, si trova dentro a situazioni di sofferenza, di umiliazioni, di abbandono, di solitudine. La fede che gli Apostoli chiedono, che noi dobbiamo chiedere, non è solo una salda adesione alle parole del Signore. Essa è quella potenza singolare di convinzione e di fiducia in Lui, che ci dona la pace del cuore anche dentro alle più drammatiche contraddizioni della vita.
 La risposta di Gesù conferma la straordinaria forza della fede nella vita di una persona: “se aveste fede …”. La vera fede, anche se posseduta in minimo grado, è capace del miracolo: il miracolo del cambiamento vero, del cambiamento del vostro io. La fede genera una nuova persona.

 Carissimi fratelli e sorelle: terminata questa celebrazione, voi ritornerete nelle vostre case, nelle nostre comunità. Come prima? il miracolo del rinnovamento è possibile: “Ecco, soccombe chi non ha l’animo retto, mentre il giusto vivrà di fede”.