home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


DOMENICA XXVI PER ANNUM (A)
Borgonuovo, 28 settembre 2008


1. Cari fratelli e sorelle, la pagina evangelica è di facile comprensione. Il suo significato emerge dal dialogo finale: "Chi dei due ha compiuto la volontà del padre?" Risposero: "Il primo". Gesù in sostanza vuole insegnarci che non compie la volontà di Dio chi dice semplicemente di farlo, ma chi la compie effettivamente.

Non dobbiamo lasciarci ingannare, e pensare che questa pagina del Vangelo in fondo dice una ovvietà. Dobbiamo coglierne tutta la profondità.

In primo luogo Gesù attraverso questa parabola ci dà una interpretazione di tutta la storia della nostra salvezza. Miei cari fratelli, la vostra carità voglia prestarmi attenzione.

Alla fine del brano evangelico, Gesù distingue nel popolo che lo attornia due grandi categorie di persone: "i pubblicani e i peccatori" cioè le persone che non hanno nessun comportamento religioso; e l’altra categoria, "voi", cioè coloro che osservavano scrupolosamente le tradizioni proprie dell’ebraismo. Le due categorie corrispondono alla grande distinzione all’interno della famiglia umana: il popolo di Israele, il popolo dei pagani. Mentre il primo non ha accolto il dono di Dio che è Gesù e chi lo preparò, Giovanni Battista, il secondo si convertì e credette.

Senza volere entrare negli imperscrutabili disegni divini, noi, il popolo dei pagani, dobbiamo essere eternamente grati al Dio ricco di misericordia, che senza alcun nostro merito, ci ha chiamati alla conoscenza della verità. Gesù già vedeva durante la sua vita terrena questo misterioso evento. Coloro che erano stati eletti, coloro che erano stati predestinati ad accogliere il Messia di Dio, lo rifiutano, pur essendo scrupolosi osservanti delle tradizioni religiose. Coloro che erano non-popolo di Dio accolgono la luce della divina rivelazione, e passano avanti ai primi nel Regno di Dio.

Nel contesto della storia della nostra salvezza, comprendiamo ora il senso ultimo dell’espressione "compiere la volontà del Padre".

Non si tratta in primo luogo di compiere alcune azioni ed ometterne altre. Si tratta più profondamente di conoscere il progetto di Dio sulla nostra vita, e di compierlo. Si tratta di abbandonare l’attitudine di chi pensa di vivere in piena autonomia; di chi ritiene che sia libero solo colui che progetta la propria vita come gli pare e piace, e di collocarsi dentro al progetto di Dio.

Poco fa abbiamo pregato nel modo seguente: "Fammi conoscere, Signore, le tue vie, insegnami i tuoi sentieri. Guidami nella tua fedeltà e istruiscimi, perché sei tu il Dio della mia salvezza". Questo, miei cari, è il giusto atteggiamento dell’uomo. La via che dobbiamo percorrere se vogliamo salvarci, è quella che il Signore ci indica. E pertanto dobbiamo essere docili discepoli della sua istruzione e fedeli alla sua guida.

2. Cari fedeli, il Signore mi ha fatto il dono di visitare la vostra comunità, e ci ha donato questa Parola.

Il Vescovo visita le comunità in primo luogo per trasmettere loro l’istruzione del Signore, per far loro conoscere le vie del Signore. Ma questo accade ogni domenica quando il vostro parroco vi annuncia la Parola di Dio: vi dona la possibilità di avere una conoscenza piena della volontà del Signore perché possiate piacergli in tutto.

Cari fratelli e sorelle, siate fedeli all’Eucaristia festiva; non trascurate l’istruzione del Signore, perché solo conoscendo e percorrendo le sue vie, voi giungerete alla vera beatitudine.