home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


SOLENNITÀ DEI SS. PIETRO E PAOLO
Cattedrale, 26 giugno 22002


1. "La gente chi dice che sia il Figlio dell’uomo … Voi chi dite che io sia?". La domanda che Gesù rivolge ai suoi discepoli è duplice, come avete sentito. L’una chiede il pensiero della "gente" a suo riguardo, l’altra il pensiero dei suoi apostoli. La risposta è profondamente diversa. E la diversità voi la potete cogliere facilmente: la gente pensa che Gesù sia "uno dei profeti"; Pietro "il Figlio del Dio vivente".

Carissimi fedeli, queste sono le due attitudini o i due modi possibili di pensare, di descrivere l’identità di Gesù il Cristo: Egli è uno che appartiene ad una serie; Egli è uno incomparabile con chiunque altro. La serie è quella dei profeti, pensava la gente al tempo di Gesù. In seguito la serie di cui la gente pensa che Gesù faccia parte cambierà: uno dei grandi maestri di morale; uno dei grandi riformatori sociali, e così via. A secondo dei gusti di ogni epoca.

L’apostolo al contrario si pone completamente fuori di questa prospettiva. Egli non dice: "tu sei uno dei …". Egli dice: "tu sei il Figlio …". Cioè: sei qualcuno di assolutamente unico, poiché sei il Figlio di Dio.

Vorrei, carissimi fedeli, che comprendeste bene che queste due riposte generano due modi di stare di fronte a Cristo completamente diversi. Chi considera Gesù "uno della serie" finisce sempre col ritenere più importante il suo insegnamento che la sua persona. Ed il cristianesimo viene pensato e vissuto come l’apprendimento di una dottrina che cerchiamo poi di praticare come meglio possiamo. Al centro di questo modo di intendere il cristianesimo non sta più la persona di Cristo.

Chi invece considera Gesù come "il Figlio del Dio vivente" pone al centro della sua vita il rapporto con la sua Persona. Ed il cristianesimo viene pensato e vissuto come appartenenza a Cristo e la vita in Cristo, con Cristo e come Cristo: una vita appunto cristiana.

Proviamo ora a rileggere la seconda lettura dove l’Apostolo Paolo, giunto ormai alla fine della sua vita, fa come un riassunto spirituale della medesima. "Il Signore mi è stato vicino" egli dice: ecco la dimensione essenziale della vita cristiana. E’ la vita umana vissuta nella compagnia, nella vicinanza del Signore Gesù. La vita è un compito che ciascuno di noi, come Paolo, ha ricevuto; la vita è una vocazione, una missione. Ma il tutto nella compagnia di Cristo: "il Signore mi è stato vicino". Questa vicinanza dona un’intima sicurezza al credente, in ogni momento: "il Signore mi libererà da ogni male e mi salverà per il suo regno eterno". L’incontro con Cristo rigenera l’uomo ad una speranza eterna.

2. "Beato te, Simone …". Questa spiegazione di Pietro, questo modo di porsi in rapporto colla persona di Cristo è la fede. La pagina del Vangelo infatti ci svela anche il mistero dell’inizio e della maturazione della fede nell’uomo. L’inizio è posto in noi dalla grazia di una rivelazione, da un intimo ed inesprimibile concedersi di Dio all’uomo: "… ma il Padre mio che sta nei cieli". Segue quindi la chiamata a dare una risposta. Infine, c’è la risposta dell’uomo: una risposta che darà senso a tutta la vita.

Ecco che cosa è la fede: è la risposta libera e ragionevole alla parola del Dio vivente.

Carissimi fedeli, è questo il dono che il Signore vuole farci in questo giorno tanto solenne: il dono della fede. Lo abbiamo chiesto all’inizio di queste celebrazione: "fa che la tua Chiesa segua sempre l’insegnamento degli Apostoli dai quali ha ricevuto il primo annuncio della fede."