home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


Domenica Quinta di Pasqua
Cattedrale, 22 maggio 2011


Grandi sono le parole che Gesù ha detto nel santo Vangelo a tutti noi: a voi, cari ragazzi che fra poco riceverete la Santa Cresima; a voi, cari genitori e padrini-madrine. Riascoltiamo dunque attentamente.

1. "Io vado a prepararvi un posto; quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, ritornerò e vi prenderò con me".

È una grande rivelazione che Gesù ci fa con queste parole. La vita che noi ora viviamo, si potrebbe dire "il posto che ora occupiamo", non è la vita definitiva. Essa prima o poi finisce con la morte e… il nostro posto viene occupato da altri. Orbene, Gesù ci dice che Egli ha preparato per noi un "altro posto", dove resteremo e vivremo per sempre con Lui.

Quando gli Apostoli sentirono per primi parlare di questo, si fecero delle domande che forse anche noi ci stiamo facendo. Domande come queste: e dove è questo altro posto che Gesù ci ha preparato? quale è la strada che conduce ad esso? È proprio questa la domanda di un Apostolo, Tommaso: "Signore… e come possiamo conoscere la via", se non sappiamo neppure dove è questo posto che tu ci hai preparato?

A questo punto Gesù dice una delle cose più importanti di tutto il Vangelo: "Io sono la via, la verità e la vita". Prestiamo bene attenzione perché sono parole molto importanti.

Gesù dice che è "la via": come può una persona essere una strada? Possiamo capirlo con un esempio. Chi fa salite pericolose in montagna, ha bisogno di una guida. Essa si mette davanti, e gli altri lo seguono: traccia la strada, si dice. Gesù con la sua vita e le sue opere "ci ha lasciato l’esempio perché ne seguiamo le orme". Se noi cerchiamo di vivere, nelle nostre condizioni, come Gesù ha vissuto e ci ha insegnato a vivere, Egli diventa la via percorrendo la quale noi saremo sempre con Lui: andremo ad occupare il posto che ci ha preparato.

Ma Gesù fa anche due altre aggiunte, e dice: "Io sono… la verità e la vita". La verità: che parola grande! Se noi seguiamo Gesù, siamo sicuri di non sbagliare mai, perché Lui in Se stesso manifesta il vero modo di realizzarci: è la Verità. Ne deriva che allora Egli è anche la vera vita.

Cari ragazzi, se siete stati attenti potete capire l’esortazione che ci ha fatto San Pietro nella seconda lettura. "Carissimi, stringetevi a Cristo". Ecco, questo è tutto: state stretti a Cristo; state abbracciati a Lui; non lasciatelo mai. Lui, essendo la via, vi conduce ad una vita vera, buona, bella.

2. E in che modo si sta stretti, abbracciati a Cristo? In due modi.

Attraverso l’Eucaristia. La partecipazione alla Messa festiva è il mezzo più importante per "stringervi a Cristo". "Altro non opera infatti la partecipazione del corpo e del sangue del Signore se non trasformarci in ciò che prendiamo" [S. Leone M., Sermone 50, 7.4].

Ma senza una fede profonda l’Eucaristia non opera in noi nulla. E la fede la si nutre col catechismo. L’altro modo per "stringerci a Cristo" è la fedeltà al catechismo. Non finisce dunque con la Cresima, ma al contrario diventa ancora più necessario. Siate dunque fedeli all’Eucaristia festiva e al catechismo. Così sia.