home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


VII DOMENICA PER ANNUM (C)
Santuario di S. Luca
21 febbraio 2004

1. «Siate misericordiosi, come è misericordioso il Padre vostro». Carissimi fedeli, la pagina evangelica ci presenta due modi profondamente diversi di costruire i nostri rapporti con gli altri, e dunque di edificare la società. Ogni società: da quella più piccola, la società coniugale, alla più grande, la società internazionale.
Il primo modo è di costruirli secondo la logica divina, introducendovi lo stile – se così posso dire – divino. Quale è la logica divina? “Egli è benevolo verso gli ingrati e i malvagi”. È la logica della gratuità, dell’amore offerto non in ragione dei propri meriti. Come aggiunge il Vangelo secondo Matteo: “fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti” [Mt 5,45].
Il secondo modo è di costruire i nostri rapporti sociali secondo una logica anti-divina. Quale è la logica antidivina? amare i propri amici e odiare i propri nemici; fare del bene a chi ti fa del bene e fare del male a chi ti fa del male; benedire chi ti benedice e maledire chi ti maledice.
La contrapposizione fra i due modi si riduce in fondo a questo: dal punto di vista divino non ha senso dividere gli uomini in amici/nemici; dal punto di vista anti-divino gli uomini devono essere divisi in amici/nemici: i primi vanno beneficati [anche perché da loro ci aspettiamo altrettanto]; i secondi – quando va bene – vanno ignorati.
La pagina evangelica costringe quindi a porci una domanda fondamentale: in che modo noi “guardiamo” l’altro, come estraneo e come nemico oppure come prossimo e come compartecipe della stessa dignità di persona?
Qualcuno potrebbe essere tentato di pensare che questa pagina evangelica sia così fuori dalla realtà, così estranea alla nostra vita quotidiana da ritenerla senza rilevanza pratica.
Certamente è una pagina che si oppone diametralmente alla società in cui viviamo, ma essa è l’unica risposta vera al bisogno più profondo, all’urgenza più drammatica del nostro vivere quotidiano. La società in cui viviamo infatti è stata costruita su una concezione astratta dell’uomo. Una concezione secondo la quale non esiste nessun comunione originaria fra gli uomini, essendo ogni uomo un individuo a se stante. La vita sociale è pertanto una sorta di contrattazione fra opposti egoismi, nella quale vi deve essere parità fra il dare e l’avere. L’altro è visto quindi come un concorrente, ed il suo bene in opposizione al mio bene. La pagina evangelica sconfigge alla radice questa logica della contrattazione, della competitività, alla fine dell’inimicizia, che tanti danni sta causando al nostro vivere. Allora chi è più estraneo al bene dell’uomo, questo insegnamento di Gesù o la vita che facciamo tutta basata sulla contrapposizione?
2. Sono sicuro della vostra risposta: Cristo e la sua parola sono risposta adeguata alle vere esigenze del nostro cuore. Ma ci accompagna quotidianamente l’esperienza della nostra miseria, della nostra fragilità. La logica di Dio ha preso carne in Cristo: «oltraggiato non rispondeva con oltraggi e soffrendo non minacciava vendetta, ma rimetteva la sua causa a Colui che giudica con giustizia» [1Pt 2,23].
È il mistero che stiamo celebrando: la morte di Cristo che dona Se stesso per rigenerarci nella nostra co-umanità. Per ricostruire la nostra unità spezzata. Immergiamoci dunque nel mistero della sua morte e risurrezione; partecipiamo mediante il santo sacramento alla carità che l’ha causato. Solo così la pagina evangelica diventerà vita della nostra vita.
Siamo venuti nella casa di Maria; vogliamo porci vicino a Lei. Ella è colei che ci introduce dentro il Mistero di Cristo. Il Verbo è venuto a noi attraverso di lei; noi andiamo a Cristo attraverso di Lei. È ciò che fece il discepolo che Gesù amava: «la prese nella sua casa» [Gv 19,27b].