home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


S. Messa di Pentecoste
Cattedrale di San Pietro, 11 maggio 2008


1. Cari fratelli e sorelle, la pagina evangelica e la prima lettura narrano lo stesso avvenimento: il dono del suo Spirito fatto dal Signore risorto ai discepoli. È una narrazione, quella evangelica, molto diversa da quella della prima lettura. La diversità arricchisce la nostra fede, e pertanto dobbiamo meditare ciascuna pagina tenendo presente l誕ltra. Iniziamo dal santo Vangelo.

Il dono dello Spirito Santo avviene attraverso un gesto fisico simbolico: "Dopo aver detto questo alitò su di loro e disse: ricevete lo Spirito Santo". È indicato anche con accuratezza in quale giorno della settimana il fatto accade: "La sera di quello stesso giorno, il primo dopo il sabato".

Per chi ha una qualche dimestichezza con la S. Scrittura, il racconto evangelico richiama subito un altro racconto. Quello della creazione dell置omo. Dice la Scrittura: "il Signore Dio plasmò l置omo con polvere del suolo e soffiò nelle sue narici un alito di vita e l置omo divenne un essere vivente" [Gen 2,7]. L段ndicazione cronologica va nello stesso senso: il sabato era il giorno in cui si era conclusa la creazione; il primo giorno dopo il sabato è un nuovo inizio, un nuovo principio posto dentro allo scorrere del tempo.

Il dono che Gesù risorto fa ai suoi discepoli li rigenera nella loro umanità, li ri-crea. Essi, per la forza di questo alito di vita, diventano esseri viventi, ma della stessa vita divina. Diventano partecipi della vita eterna di Dio. Oggi quindi noi celebriamo la rigenerazione dell置omo, e l段nizio di una nuova creazione: è "il primo giorno dopo il sabato".

Non dobbiamo però trascurare due particolari nel racconto evangelico. Il primo è il fatto che il dono dello Spirito avviene dopo che Gesù "mostrò loro le mani e il costato": i segni gloriosi della sua passione. Il dono dello Spirito Santo e la conseguente rigenerazione dell置omo sono riferite, perché ne sono il frutto, alla potenza redentrice di Cristo crocefisso e risorto.

Il secondo particolare è il fatto che al dono dello Spirito Santo è connesso il perdono dei peccati: "a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi". Cari fratelli e sorelle, la rigenerazione dell置omo implica, esige che l置omo sia consapevole della sua ingiustizia; implica quel giudizio interiore della coscienza mediante il quale l置omo afferma la verità circa se stesso. Questa consapevolezza della propria ingiustizia, questo giudizio di auto-condanna sono l誕ltra "faccia" dell弾vento narrato nel Vangelo: ha inizio il tempo della grazia; ha inizio il tempo del perdono e della misericordia: "a chi rimetterete i peccati saranno rimessi". Il dono dello Spirito Santo ci dona la verità della coscienza e la redenzione che ci rigenera.

2. Siamo così giunti al senso profondo della prima lettura. Quale è il segno più chiaro che l置manità si trova nel disordine, e che ogni uomo vive in una condizione di ingiustizia? La divisione fra le persone, la contrapposizione fra i popoli, l段ncapacità di comunicare gli uni con gli altri.

Riascoltiamo ora come viene narrato lo stesso evento narrato dalla pagina evangelica: "Si trovavano allora in Gerusalemme Giudei osservanti di ogni nazione che è sotto il cielo. Venuto quel fragore, la folla si radunò e rimase sbigottita perché ciascuno li sentiva parlare la propria lingua". Il segno e l弾ffetto della presenza dello Spirito Santo nel mondo è la ricostruzione dell置nità della famiglia umana. È la capacità ridata all置omo di comunicare veramente con l誕ltro uomo. La comunione interpersonale è la grande elargizione di grazia fatta dallo Spirito del Signore risorto: Egli è lo Spirito di comunione.

Cari fratelli e sorelle, questa sera, la sera di Pentecoste, noi impariamo a leggere la storia umana, a guardarla in profondità, oltre la verità delle cronache quotidiane. La storia umana è percorsa da due forze che cercano di costruire due opposti modi di convivere due città, amava dire S. Agostino: la forza dello Spirito Santo donato ai credenti, com-posizione delle diversità che crea una città di com-posizione; la forza del male che crea un città di contra-posizione.

È questa la contraddizione drammatica del nostro tempo. Da una parte vediamo che i popoli si avvicinano sempre di più e diventano sempre più interdipendenti. Dall誕ltra vediamo che le fondamenta stesse della convivenza sono progressivamente erose: oscuramento del senso morale, devastazione dell段stituto matrimoniale origine di ogni società, imbarbarimento delle relazioni sociali.

Dentro a questo scontro vive ciascuno di noi: ne è al contempo spettatore e attore. E può allearsi con l置na o l誕ltra forza.

Questa sera sale la grande preghiera della Chiesa: "Vieni, o Santo Spirito senza la tua forza nulla è nell置omo lava ciò che è sordido piega ciò che è rigido". Perché la forza che deturpa l置omo nella sua verità e dignità sia finalmente vinta.