home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


Domenica III di Quaresima (Anno B)
Cattedrale, 11 marzo 2012


1. Cari fratelli e sorelle, nel nostro cammino quaresimale verso la Pasqua la Chiesa oggi ci invita a meditare su un gesto che Gesù compie nel tempio di Gerusalemme. Ciò che è accaduto ai primi discepoli del Signore, la comprensione delle parole e del suo gesto dopo la sua morte e resurrezione, lo Spirito Santo vuole che accada anche in ciascuno di noi oggi.

Che cosa muove Gesù a "scacciare tutti fuori dal tempio, a gettare a terra il denaro dei cambiavalute e a rovesciarne i banchi"? una costatazione terribile: avere trasformato il luogo della presenza di Dio in un luogo di mercato. La santità del luogo era stata deturpata e violata. Lo zelo della casa di Dio che divorava Gesù non lo poteva sopportare.

Egli con questo gesto di vera e propria purificazione realizzava una grande promessa profetica, che era risuonata nelle parole soprattutto di due profeti. Il profeta Malachia: "purificherà i figli di Levi, li affinerà come l’oro e l’argento, affinché possano offrire al Signore un’oblazione secondo giustizia" [cfr. tutto il brano: 3, 1-4]. E il profeta Zaccaria è ancora più esplicito: "in quel giorno non vi sarà più nessun mercante nel tempio del Signore degli eserciti" [14, 21].

Ma nel gesto di Gesù è prefigurato un evento futuro ancora più grandioso. Egli dice: "distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere". E l’evangelista annota: "egli parlava del tempio del suo corpo". Cioè: del tempio che è il suo corpo. Perché Gesù chiama il suo corpo "tempio"?

Cari fratelli e sorelle, per la fede di Israele il tempio era il luogo della presenza di Dio, il luogo dove dimorava la Gloria di Dio e nello stesso tempo il luogo dove Israele diventava veramente una comunità , in cui esprimeva in grado eminente la sua identità di popolo chiamato a lodare Dio onnipotente e misericordioso.

Nel prologo al suo Vangelo, Giovanni aveva scritto: "e il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi; e noi vedemmo la sua gloria, gloria come di unigenito dal Padre" [Gv 1, 14]. Nella carne del Verbo, nel suo corpo abita e si fa visibile la Gloria di Dio. Anche S. Paolo ci rivela lo stesso mistero colle seguenti parole: "E Dio che disse: rifulga la luce dalle tenebre, rifulse nei nostri cuori, per far risplendere la conoscenza della gloria divina che rifulge sul volto di Cristo" [2 Cor 4, 6].

Se noi avessimo chiesto al fedele ebreo: dove è presente Dio, dove lo puoi incontrare? Avrebbe risposto: nel suo santo tempio in Gerusalemme. Se noi chiediamo al cristiano: dove è presente Dio, dove lo puoi incontrare? Risponde: nell’umanità, nel corpo di Gesù. Egli è il tempio.

E quindi anche la comunità dei discepoli si costruisce in Gesù. Ognuno di noi è come una pietra che stringendosi a Gesù, è impiegata per la costruzione di un edificio spirituale, nel quale vengono offerti sacrifici spirituali per mezzo di Gesù [cfr. 1 Pt 2, 4-5].

Cari fratelli e sorelle, il gesto di Gesù è un gesto di purificazione totale del luogo santo che, pur destinato ad essere sostituito, è il segno che prefigura il tempio che è il corpo di Gesù: il suo corpo fisico e il suo corpo mistico che è la Chiesa. Essa ci fa meditare questa pagina del Vangelo all’inizio della terza tappa del nostro cammino quaresimale, perché non ci distogliamo dal profondo lavoro di purificazione del tempio di Dio che è la nostra persona in Cristo. Nulla di impuro deve esserci.

2. Cari catecumeni, iniziate con oggi una nuova tappa verso la notte pasquale: il tempo degli scrutini, dei quali oggi celebriamo il primo.

Gli scrutini hanno per voi una grande importanza. "Tendono infatti a purificare la mente ed il cuore, a fortificare contro le tentazioni, a rettificare le intenzioni e a stimolare la volontà verso una più intima adesione a Cristo" [RICA n° 154].

Avete sentito. Mediante il Battesimo, la Confermazione e l’Eucaristia voi, la notte di Pasqua, vi stringerete a Cristo; diventerete membra del suo Corpo che è la Chiesa; sarete anche voi impiegati come pietre nella costruzione del nuovo tempio. "Non sapete" vi dirà l’Apostolo "che siete tempio di Dio e che lo Spirito di Dio abita in voi?" [1 Cor 3, 16].

Pensate come deve essere splendente il tempio di Dio che sarete voi; come deve essere pulito da ogni impurità; come tutta la vostra vita dovrà essere sacrificio gradito a Dio. Il Signore ci ha donato il criterio fondamentale per compiere questa opera di purificazione: i santi dieci comandamenti, proclamati nella prima lettura.

Se tutti gli uomini si pentissero e osservassero i comandamenti di Dio, sarebbe il paradiso in terra. Nella notte di Pasqua diventerete l’inizio della nuova creazione.