home
biogr.
english
español
français
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


Ordinazione di due diaconi candidati al presbiterato
Cattedrale di S. Pietro, 9 ottobre 2010


1. "Carissimo, ricordati che Gesù Cristo, della stirpe di Davide, è risuscitato dai morti, secondo il mio vangelo". Carissimi ordinandi, fra poco sarete inseriti col diaconato nel ministero apostolico. E lo sarete in vista di un inserimento ancora più profondo, il presbiterato.

Ciò che l’apostolo, ormai anziano e alla fine della sua vita, raccomanda al suo discepolo Timoteo, la Chiesa questa sera raccomanda a ciascuno di voi: "ricordati che Gesù Cristo, della stirpe di Davide, è risuscitato dai morti".

Sappiamo bene che la memoria è la custode della propria identità; e che la sua perdita è un evento devastante per la propria personalità. Da questa sera, cari ordinandi, la vostra memoria deve essere per così dire occupata dal ricordo di un fatto accaduto duemila anno orsono: uno della discendenza di Davide è risuscitato dai morti.

È questo fatto la ragione del vostro esserci; è la sua memoria ciò che vi impedirà di perdere il senso della vostra esistenza. Da questa sera voi esistete per essere testimoni "che Gesù Cristo, della stirpe di Davide, è risuscitato dai morti".

Ma l’apostolo Paolo invita tutti noi, ed in particolare voi ordinandi, ad un’altra riflessione. Egli dice: "certa è questa parola: se moriamo con lui, vivremo anche con lui; se con lui perseveriamo, con lui anche regneremo". La risurrezione di Gesù è un fatto accaduto dentro la storia degli uomini, in questo mondo, nel senso che il corpo risuscitato del Signore è "della stirpe di Davide": appartiene alla famiglia umana. È nella sua natura umana concepita da Maria e in tutto simile alla nostra, che il Signore è risuscitato. Egli ha così inaugurato una nuova dimensione della nostra vita e della realtà di questo mondo, dalla quale emerge una nuova creazione che penetra ed invade le nostre povere esistenze, trasformandole e attirandole dentro di sé.

La morte, pertanto, è l’ingresso nella vita con Cristo: "se moriamo con Lui, vivremo anche con Lui". Le tribolazioni sono titolo al regno: "se con lui perseveriamo con lui anche regneremo".

Tutto ciò è reso possibile ed avviene concretamente attraverso la vita e la testimonianza della Chiesa. Voi, cari ordinandi, da questa sera diventate voce autorizzata di questa testimonianza della Chiesa. Diventate testimoni del Risorto: della sua risurrezione presente ed operante nell’uomo, dentro la storia, nel mondo.

È per questa ragione che fra poco accogliete il dono che lo Spirito del Risorto vi fa: quello di inscrivere nel vostro corpo, nella vostra carne, la testimonianza della risurrezione mediante la scelta definitiva della castità verginale.

Il celibato infatti è un’anticipazione del mondo nuovo della risurrezione [cfr. Mt 22,23-32]. Con questa scelta vi lasciate attirare integralmente verso il mondo della risurrezione, verso la novità di Cristo, verso la nuova e vera vita. Il vostro corpo, meglio la vostra persona-corpo indica la realtà di un futuro – il mondo della risurrezione – già presente ora. E di cui voi siete testimoni: "testimoni carnali".

Esiste dunque un’intima correlazione fra la testimonianza apostolica ed il celibato, e non si capisce come ci siano credenti che possano ipotizzare la rinuncia della Chiesa a questo tesoro.

L’argomento che così aumenterebbe il numero dei sacerdoti rivela – anche dato e non concesso sia vero – la concezione della Chiesa come di un’organizzazione umana a cui i quadri direzionali debbono comunque essere assicurati.

2. La pagina evangelica ci fa capire a quale uomo voi rendete testimonianza "che Gesù Cristo, della stirpe di Davide, è risuscitato dai morti".

La condizione del lebbroso nella società in cui viveva Gesù era di totale emarginazione. Egli non apparteneva più al popolo di Dio, ed era costretto anche a vivere in luoghi deserti.

"Appena li vide, Gesù disse loro: andate a presentarvi ai sacerdoti. E mentre essi andavano, furono sanati". Sono reinseriti dentro la comunità ed il popolo di Dio. E si noti bene: uno di loro è un samaritano. La nuova comunità, il nuovo popolo di Dio non è più legato all’appartenenza ad una nazione particolare.

Cari ordinandi, la guarigione dalla lebbra è come il segno della rigenerazione della persona: "la sua carne divenne come la carne di un giovinetto". La rigenerazione dell’uomo è l’opera della risurrezione di Gesù dentro il tempo; la primizia di questa trasformazione è la Chiesa stessa, la nuova comunità.

La testimonianza che voi rendete alla risurrezione guarisce un uomo, quello di oggi, devastato dalle sue solitudini; dal deserto di relazioni buone lo conducete dentro al mistero della comunione ecclesiale. Ed il segno della propria umanità ritrovata è la ritrovata capacità di "lodare Dio a gran voce": la possibilità di partecipare alle sante assemblee liturgiche.