home
biogr.
english
español
français
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


Veglia Pasquale e S. Messa "della notte"
Cattedrale di S. Pietro, 7 aprile 2007


Questa notte, cari catecumeni e cari fedeli, è piena di misteri. Essi ci sono svelati attraverso la Parola di Dio che con tanta dovizia oggi la Chiesa ci dona.

Vedete, miei cari, la storia umana ha una superficie ed una profondità. Noi questa sera siamo come immersi nella profondità della storia umana, di ciò che sta accadendo: di essa non parlano né telegiornali né giornali.

E la storia umana è stata segnata e scandita da tre notti; i fatti che segnano le tappe del cammino umano sono accaduti in tre notti.

1. "In principio Dio creò il cielo e la terra. La terra era informe e le tenebre ricoprivano l’abisso". È la prima notte.

Simbolo potente del fatto che Dio solo, nel suo mistero di luce infinita, è "Colui che è". Di fronte a Lui non esiste nulla: "le tenebre ricoprivano l’abisso".

Noi questa notte celebriamo in primo luogo l’atto creativo di Dio, il primo articolo della nostra fede, celebriamo la decisione di Dio di "dare origine all’universo, per effondere il suo amore su tutte le creature e allietarle con gli splendori della sua luce" [cfr. Preghiera Euc. IV, prefazio].

La solenne pagina che ha dato principio alla nostra lettura e meditazione della Parola di Dio non intende essere la spiegazione scientifica di ciò che esiste. Intende qualcosa di più profondo: rivelarci la ragione ultima per cui esiste tutto ciò che esiste.

La creazione trova la sua origine ultima nella Parola di Dio: "Dio disse: …". La creazione ha in se stessa una sua ragionevolezza; è abitata da un disegno pensato dal suo divino Architetto.

Quale è questo disegno? Come avete sentito, tutta l’opera creativa di Dio è stata pensata e realizzata in vista della persona umana. L’universo è la dimora della persona umana, la quale è nel mondo l’immagine di Dio. Ecco, miei cari, qui è già tutto delineato il nostro destino buono, la nostra ragione d’essere, che un Padre della Chiesa esprime stupendamente nel modo seguente: "la gloria dell’uomo è Dio, ma il ricettacolo dell’operazione di Dio e di tutta la sua sapienza e potenza e l’uomo" [S. Ireneo, Contro le eresie III, 20; SCh 211, pag. 388-389].

2. "E il Signore durante la notte risospinse il mare con un forte vento d’oriente, rendendolo asciutto; le acque si divisero". È la seconda notte.

L’uomo posto nel giardino della creazione ha voluto esserne il padrone assoluto: padrone assoluto di se stesso e del creato. Ed è stato perciò scacciato. Tutto è della persona umana, ma la persona umana è di Dio. E quando rinnega questa relazione essenziale, necessaria e inalienabile, essa è perduta. È cacciata nella terra dell’esilio.

È vero che storicamente si parla di Israele, della sua schiavitù. Ma la storia di Israele è esemplarmente la storia di tutti; è esemplarmente la sorte di tutti.

Noi questa notte confessiamo la nostra miseria che è invincibile dalle nostre forze; confessiamo di essere rinchiusi in una prigione da cui non possiamo evadere; confessiamo di essere stati esiliati in una regione lontana dalla nostra patria, l’alleanza col Signore. Ma poniamo questa confessione all’interno della celebrazione della liberazione compiuta dal Signore. Egli "ha mirabilmente trionfato/ ha gettato in mare cavallo e cavaliere".

Ciò che è accaduto ad Israele prefigura già la sorte di ogni uomo. Il Signore Iddio non vuole lasciare in Egitto la sua creatura, e vuole riportare l’uomo nella sua dimora regale; restaurare l’immagine.

Di questa volontà noi vedremo il segno inequivocabile fra poco. I nostri catecumeni piegheranno il capo in segno di umile confessione della loro colpa e schiavitù. Saranno simbolicamente immersi nell’acqua e il Signore li condurrà "sul monte della sua eredità, santuario che le sue mani hanno fondato": la Chiesa di Cristo.

3. "Il primo giorno dopo il sabato, di buon mattino, le donne si recarono alla tomba". È la terza notte in cui " Cristo, spezzando i vincoli della morte risorge vincitore dal sepolcro".

La creazione tutta era stata pensata e voluta in vista di quanto è accaduto in questa terza notte: la liberazione di Israele era la profezia di questo avvenimento. La persona umana diventa "ricettacolo dell’operazione di Dio e di tutta la sua sapienza e potenza" nel Signore risorto, nel quale fra poco voi catecumeni sarete inseriti per sempre; col quale fra poco noi tutti entreremo nella comunione piena attraverso l’Eucarestia.

Nel Cristo Risorto ciascuno di noi può scoprire a quale gloria sia stato destinato dall’atto creativo di Dio; quale vero potere regale il Padre gli abbia messo nelle mani: il potere di vincere la morte; quale dignità possegga la propria persona divenuta partecipe della stessa natura divina.