home
biogr.
english
español
français
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


GIOVEDI’ SANTO 1997
MESSA CRISMALE
27 marzo 1997

1. “Lo Spirito del Signore è su di me; per questo mi ha consacrato con l’unzione”. Il profeta ci svela l’origine della sua missione: la presenza sopra di lui dello Spirito Santo. E’ una presenza attiva, poiché è lo stesso Spirito che consacra il profeta, che lo abilita interiormente alla sua missione. E’ questa presenza dello Spirito la forza della sua missione.
 Ciò che il profeta aveva vissuto come in modo prefigurativo, si compie perfettamente in Cristo: “oggi si è adempiuta questa Scrittura”.
 Siamo così condotti dalla parola profetica ed evangelica a contemplare la missione redentiva di Gesù nella sua origine, nel suo scaturire dallo Spirito Santo. Quale mistero è racchiuso in queste parole! Tutto ha origine dall’imperscrutabile decisione del Padre di benedirci “con ogni benedizione spirituale nei cieli, in Cristo ... predestinandoci ad essere suoi figli adottivi per opera di Gesù Cristo” (Ef. 1,3 e 5). Dalla decisione del Padre di farci essere, perché in noi rifulgesse lo splendore della sua grazia misericordiosa. Ed è questa decisione che è fatta propria dal Figlio, nel dialogo trinitario, non considerando “un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio; ma ... assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini” (Fil 2,6-7). La decisione del Padre è stata fatta così interamente propria dal Figlio incarnato, che Questi alla fine della sua missione terrena può dire: “io non parlai da me stesso, ma il Padre che mi ha mandato lui mi comandò ciò che dovevo dire e pronunciare ... Ciò che dico, lo dico come il Padre me lo ha detto”. (Gv 12,49-50).
La condivisione della decisione salvifica presa dal Padre, da parte del Figlio, accade nello Spirito Santo. E’ lo Spirito Santo che sta all’origine dell’Incarnazione del Verbo: “lo Spirito Santo scenderà sopra di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell’Altissimo” (Lc 1,35). E’ lo Spirito Santo che sta all’origine del dono che Cristo compie sulla Croce di se stesso: “il sangue di Cristo, che con uno Spirito eterno offrì se stesso senza macchia a Dio” (Eb 9,14). Oh veramente Cristo può dire di Sé: “Lo Spirito del Signore è su di me; per questo mi ha consacrato con l’unzione”. E’ lo Spirito del Padre “ricco di misericordia” (Ef 2,4) che guida Gesù. “Esso, come persona divina, è libero di spirare dove vuole (Gv 3,8), e, proprio per questa libertà, viene conferito al Figlio senza misura (Gv 3,34). E non è che il Figlio ponga ostacoli con propria decisione previa allo Spirito del Padre, non è che voglia stabilire in anticipo la direzione in cui Esso debba soffiare, e progettare indipendentemente da Esso il piano che viene sviluppato per lui” (H.U. von Bathasar, Teologia della storia, Brescia 1964, pag. 30). “E mi ha mandato”: dice il profeta e si compie in Gesù. Il suo “programma” gli è come già suggerito per intero, “ispirato” appunto in tutti i suoi momenti: annunciare ai poveri un lieto messaggio, proclamare ai prigionieri la liberazione e la vista ai ciechi, rimettere in libertà i prigionieri e cambiare la qualità del tempo in “anno di grazia del Signore”.
 “Oggi si è adempiuta questa scrittura”: oggi sta accadendo questo evento, nel nostro mondo. Si sta compiendo l’opera che il Padre ha affidato al Figlio, in vista della quale lo Spirito del Padre fu sopra di Lui e lo ha consacrato con l’unzione. Noi siamo qui per celebrare questo mistero di pietà, nel qyale rifulge solo misericordia.

2. “Ha fatto di noi un regno di sacerdoti per il suo Dio e Padre”. La parola di Dio oggi parla anche di noi, carissimi fratelli: “ha fatto di noi”. Parla di noi, parlando del nostro essere costituiti sacerdoti per il nostro Dio e Padre: celebriamo il nostro dies natalis. Quale è la nostra nascita al sacerdozio ministeriale e al contempo gerarchico? “Lo Spirito Santo scenderà su di te; lo Spirito del Signore è sopra di me, per questo mi ha consacrato con l’unzione e mi ha mandato”. Siamo stati generati come sacerdoti dallo Spirito Santo che ci è stato donato attraverso l’imposizione delle mani. Ed esso è lo stesso Spirito che ispirò il Cristo a compiere l’opera affidatagli dal Padre, e che ci inserisce nel Cristo medesimo, configurandoci in modo unico a Lui, così che siamo suoi ministri. “In persona Christi”: siamo radicati nell’intimo della missione messianica di Cristo Salvatore. Il Padre in Cristo ci ha associati alla sua opera di misericordia e per questo ci ha consacrati con l’unzione dello Spirito Santo. E pertanto noi esistiamo, viviamo ed operiamo nel mondo, non per altra ragione che per la stessa ragione per cui esiste, vive ed opera Cristo stesso: siamo infatti i suoi ministri. Ministri della Redenzione, inviati perché si compia per mezzo nostro la divina economia della salvezza, mandati per “predicare un anno di grazia del Signore”. Che cosa è questa grazia che il Padre ha voluto legare sacramentalmente alla nostra vita sacerdotale, al nostro servizio sacerdotale? La grazia - come proclama il Salmo - è la fedeltà di Dio a quell’eterno amore che Egli ci ha donato in Cristo, in forza del quale l’uomo può rivolgersi a Dio, dicendo: “Tu sei mio Padre, mio Dio e roccia della mia salvezza”. Noi siamo al servizio di questa grazia, al servizio dell’uomo. E servire significa portare l’uomo a ricostruire la sua quotidiana esistenza sulle fondamenta stesse della sua umanità, nello stesso midollo più profondo della sua dignità: la sua eterna predestinazione in Cristo. Proprio in queste profondità deve risuonare, grazie al nostro ministero, quel “canto di lode invece di un cuore mesto”, come dice il profeta. Il nostro quotidiano lavoro ha le sue radici nello stesso disegno che le divine Persone hanno progettato fin dalla eternità: “il disegno di ricapitolare in Cristo tutte le cose” (Ef. 1,10b). Siamo immersi nel mistero della redenzione dell’uomo, siamo ministri di questa redenzione.
 Miei fratelli, miei primi e necessari cooperatori del mio ministero episcopale che senza di voi è semplicemente impensabile, custodite intatta la consapevolezza della vostra missione, della vostra incomparabile dignità. Il dono di Dio è stato grande per ciascuno di noi; tanto grande che ciascuno di noi può scoprire in sé i segni di una divina predilezione. Dimoriamo sempre in questa scoperta, nella luce della divina predilezione. Siamo vigilanti, per non rattristare mai lo Spirito Santo che ci ha consacrato con l’unzione:
- con tutto  ciò che causa in noi scoraggiamento, amarezza e tristezza;
- con tutto ciò che causa fra noi divisioni, discordie o rotture;
- con tutto ciò che può depauperare la pienezza e la ricchezza della nostra libertà, che abbiamo così altamente nobilitato nel dono di sé a Cristo.

Ed ora consentitemi di rivolgere anche a voi, carissimi fedeli, una parola. Ringraziate il Signore per il dono del sacerdozio ministeriale e pregate perché non lo lasci mai mancare alla sua Santa Chiesa che è in Ferrara-Comacchio. La grandezza dei vostri sacerdoti che vi servono nell’umiltà, nella fedeltà, è per voi il segno dell’amore del Padre che in Cristo si prende cura delle vostre persone: siate loro vicini con la preghiera, la cooperazione e l’affetto. Così sia.