home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


XVII DOMENICA PER ANNUM (A)
Parrocchia di San Benedetto
28 luglio 2002

1. "Trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra". La parabola della perla preziosa narra la vicenda umana di ciascuno di noi: di voi giovani, in particolare. Così come la parabola immediatamente precedente del tesoro nascosto nel campo.

Dentro al campo della storia umana è stato nascosto un tesoro; è stata posta una perla preziosa. Quale? La persona stessa di Gesù il Cristo, Figlio di Dio fattosi uomo, posta in mezzo a noi perché – come ci ha detto S. Paolo – ognuno di noi divenisse conforme a Lui. Noi entriamo nel regno di Dio, noi scopriamo la verità intera su noi stessi ed il senso della nostra vita quando scopriamo il tesero che è Cristo, troviamo la perla che è Cristo.

Leggendo attentamente la parabola della perla preziosa , voi vedete che il "mercante va in cerca di perle preziose". La scoperta è anche frutto di una ricerca che gli fa trovare "perle preziose" prima di trovarne "una … di grande valore". Nella prima lettura avete sentito che il giovane Salomone poteva chiedere al Signore il possesso di tante perle: una lunga vita, la ricchezza, la morte dei suoi nemici. Ma egli ha chiesto "un cuore docile perché sappia rendere giustizia … e sappia distinguere il bene dal male". E’ qui raffigurata in tutta la sua rischiosità la nostra vicenda umana. Essa è costruita sulla base della ricerca di quei beni – le perle preziose – che riteniamo possano soddisfare i nostri desideri. Che cosa è infatti la persona umana se non un desiderio insonne di felicità, di verità, di bontà, di giustizia, di amicizia? Occorre però che non sbagliamo in questa ricerca; che non cadiamo nell’errore di chi pensa che basti aver trovato tante perle preziose senza "la perla di grande valore". Di chi pensa che in fondo quei beni limitati che sono alla portata delle nostre forze siano sufficienti, nel loro insieme, a dare un senso pieno alla nostra vita.

Non ha commesso questo errore il giovane Salomone; non ha commesso questo errore colui che "pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo"; quel mercante che "trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra". Commette invece quell’errore il giovane a cui Gesù propone di vendere tutto per avere un tesoro ben più grande nel seguire Cristo [cfr. Mc 10,21].

Perché l’uomo della parabola "va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi", mentre, il giovane che incontra Cristo "se ne andò afflitto, perché aveva molti beni"? chi ha ragione? Carissimi, ci aiuta S. Paolo a rispondere: noi siamo stati creati in vista di Cristo. Ciascuno di noi è fatto in modo tale da avere in Lui e per Lui solo la vita: "mente e desiderio sono stati foggiati in funzione di Lui; per conoscere Cristo abbiamo ricevuto il pensiero, per correre verso di lui il desiderio, e la memoria per portarlo in noi … amare o pensare qualunque cosa che non sia lui significa sottrarci al necessario e deviare dalle tendenze poste originariamente nella nostra natura" [N. Cabasilas, La vita in Cristo, C.N. ed., Roma 1994, pag.309 e 312].

2. Al giovane Salomone furono però concessi in sovrappiù anche quei beni che non aveva chiesto. Un grande maestro della Chiesa antica ha scritto: "la perla di gran valore è il Cristo di Dio … una volta trovato lui, si afferrano facilmente tutte le altre realtà" [Commento al Vangelo di Matteo/1, CN ed., Roma 1998, pag. 95-96]. In Cristo noi ritroviamo centuplicati tutti i beni vari, anche se limitati, che fuori di Lui ci fanno deviare dalla via che ci porta alla perfetta beatitudine.

In Lui il possesso e l’uso del denaro non è prepotente auto-affermazione a spese dell’altro; il rapporto uomo-donna non è più reciproco uso uno dell’altro per la propria felicità individuale; il lavoro o lo studio non si limita più ad essere prezzo pagato al successo. In Lui ogni vero bene creato acquista una consistenza, un sapore insospettato.

Carissimi giovani, la vostra umanità così insidiata oggi trova in Cristo la sua salvaguardia. Partite da questa esperienza custodendo sempre nel cuore quella certezza che abbiamo espresso nel Salmo: "meravigliosa è la tua alleanza, per questo le sono fedele; la tua parola nel rivelarsi illumina".