home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


INCONTRO CON IL RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO
26 GIUGNO 1996

 Le due pagine della S. Scrittura sono un dono grande della Misericordia del Signore: esse sono un’indicazione assai preziosa per la salvezza e la beatitudine della nostra persona.
 Cominciamo dalla prima lettura. Che cosa accade? Il re Giosia diventa consapevole di quando Giuda si sia allontanato dai comandi di Dio e sia sotto la sua ira, quando ritrova e riascolta il Libro della Legge del Signore. E’ questo un avvenimento che spesso la S. Scrittura racconta. Davide prende coscienza del peccato commesso, quando ascolta le parole del profeta Natan. Dopo la Pentecoste, gli abitanti dei Gerusalemme si sentono trafiggere il cuore, quando Pietro predica loro. Che cosa ci insegna con tutto questo la Parola di Dio?
 Davide, Giosia ed il suo popolo, gli abitanti di Gerusalemme si trovavano come in una sorta di oscurità interiore, poiché non si rendevano conto di aver peccato, di essersi allontanati dal Signore: non avevano coscienza della loro condizione, poiché non sapevano più discernere il bene dal male. Dunque, esiste una capacità di discernere che, quando è esercitata, ci fa prendere coscienza della nostra reale condizione di fronte a Dio. La Parola di Dio ci dice oggi che questa capacità di discernimento dipende dall’insegnamento ricevuto. Essa non è qualcosa di immutabile e statico. La persona, partendo da una condizione di oscurità e di tenebra, può giungere alla verità su se stessa mediante la guida dell’insegnamento. Ad un insegnamento confuso e frammentario corrisponde una coscienza confusa e frammentaria, ad un insegnamento deformato corrisponde una coscienza deformata, ad un insegnamento incerto e timido corrisponde una coscienza incerta e timida, ad un insegnamento chiaro corrisponde una coscienza luminosa.

 E’ in questo punto che si colloca l’insegnamento del Vangelo: esistono “falsi profeti” e “veri profeti”. Profeti che portano sempre più la persona nell’oscurità, nell’incertezza, nell’errore.
 E’ allora assai importante possedere dei criteri di discernimento. Il Nuovo Testamento affronta spesso questo problema e ci offre molti criteri. Il Vangelo questa sera ce ne offre uno semplice: i frutti di chi si presenta profeta. I frutti, nel vocabolario biblico, sono le opere della persona. “Vero profeta, infatti, è colui che si manifesta attraverso le buone opere, che è luce per la comunità; vero profeta è colui che ogni giorno si impegna a vivere la Parola di Gesù e a convertirsi, mantenendosi nell’angusta via; vero profeta e colui che sa guidare la comunità nella fedeltà al suo Signore” (M. Galizzi)