home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


INCONTRO ECUMENICO
S. Francesca Romana, Ferrara, 22 gennaio 1999


1. “Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi mi ama”. L’accoglienza dei comandamenti del Signore, l’osservanza della sua parola esprime l’attitudine fondamentale del discepolo, quell’attitudine che ne plasma e configura interamente la persona: la consegna radicale di se stesso al Signore, perché Egli possa dispone completamente. E quindi il testo evangelico connette inscindibilmente «accoglienza dei comandamenti», «osservanza della sua parola» ed amore: “questi mi ama”. Essenza dell’amore è infatti rinuncia a disporre di sé perché amare è dono di sé. E’ “il sì illimitato della creatura spirituale che si dichiara pronta ad andare fin dove Dio vuole, ad essere usata e consumata quanto Dio ritiene necessario, a lasciar libero col suo inchinarsi tanto spazio quanto Dio vuole esigere” (H.U. von Balthasar, Chi è il cristiano?, ed. Queriniana, Brescia 1966, pag. 65). E la preghiera insegnataci dal Signore, nella sua prima parte, null’altro ci fa chiedere se non che la realtà di Dio prenda potere in noi vincendo ogni nostra resistenza; che la sua signoria venga e non il nostro potere; che, in una parola, la sua parola si compia nella nostra terra.
 E’ questa la forma vera dell’ecclesialità, l’ecclesialità nella sua forma pura quale ha preso corpo perfettamente solo nella figlia di Sion, Maria. La forma entro la quale ogni cristiano, ogni comunità cristiana è chiamata ad entrare: senza porre condizioni.

2. “Il Consolatore, lo Spirito Santo, che il Padre manderà nel mio nome, Egli vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che vi ho detto”. La “forma cristiana”, sopra brevemente schizzata, è generata nell’uomo «naturale» non dallo sforzo morale di questi. E’ generata in lui dallo Spirito Santo: solo chi è da Lui generato entra nel Regno (cfr. Gv 3,5). Come Gesù è stato mandato dal Padre e quindi non ha «parlato da se stesso» (cfr. Gv 14,10.24), così lo Spirito Santo è mandato dal Padre e quindi non porta nulla di suo proprio: Egli trasmette una dottrina che ascolta da Gesù. In che modo? La modalità dell’azione dello Spirito è descritta come «didascalia-insegnamento» e come «richiamo alla memoria». Non si tratta di due attività separate: l’insegnamento dello Spirito Santo consisterà nel ravvivare nei discepoli il ricordo delle parole di Gesù. Non nel senso semplicemente di fissare il tenore insidiato perennemente da una memoria vacillante, ma nel senso di farne cogliere sempre più l’intimo significato. “Il ruolo interpretativo dello Spirito, interamente relativo al messaggio del Figlio, fa della comunità il luogo in cui la sua Rivelazione è sempre di nuovo ricevuta ed attualizzata in modo creativo nell’esistenza dei credenti. E’ come dire che la parola di Gesù resterà viva nel corso dei secoli” (X.L. Dufour, Lettura dell’Evangelo secondo Giovanni, III, ed. S. Paolo, Milano 1995, pag. 170).
 Ma il fatto che l’attività dello Spirito sia messa in rapporto alla memoria, è denso di significati. E’ la memoria che custodisce l’identità della persona nel trascorrere del tempo: la perdita della memoria comporta la perdita della (coscienza della) propria identità. Lo Spirito Santo è la memoria della Chiesa. Già all’antico Patto, il richiamo a non perdere la memoria fatto al popolo è continuo: tutto il Deuteronomio è una teologia della memoria (cfr. ibid. pag. 168). Perdendo la memoria, il popolo dell’antica Alleanza ha perduto se stesso.
 La Chiesa è conservata nella sua  identità vivente nel corso dei secoli dalla «memoria» causata in essa dallo Spirito Santo: l’olio dell’unzione che rimane in noi, così che non abbiamo bisogno di avere altri maestri all’infuori di Gesù Cristo (cfr. 1Gv 2,27). L’amore è effuso nei nostri cuori dallo Spirito Santo; colui che ama non dispone più di sé, ma si pone a disposizione del Signore: dei suoi comandamenti, delle sue parole.

 “E noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui”. Lo «spazio vuoto» creato dall’obbedienza del discepolo  viene riempito e trasfigurato dalla divina Presenza. E’ il credente che grazie alla sua unità col Figlio, diventa la dimora del Padre: viene immerso nella comunione della Vita divina. E’ la Chiesa la dimora di Dio fra gli uomini, per il dono dello Spirito Santo.