home
biogr.
english
español
français
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


DEDICAZIONE DELLA CATTEDRALE
Cattedrale di Ferrara, 16 ottobre 1998


1. “E’ giunto il momento, ed è questo, in cui i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità”. L’annuale celebrazione anniversaria della consacrazione della nostra Cattedrale ci porta alla meditazione sulla preghiera, sul culto cristiani. La chiesa Cattedrale è infatti il luogo santo, vera dimora di Dio nella nostra città, nel quale noi ci troviamo ad adorare il Padre: a proclamare le opere meravigliose di Lui che ci ha chiamato dalle tenebre alla sua ammirabile luce.
 Ed in realtà, la donna samaritana chiede a Gesù precisamente spiegazioni sul luogo dove “bisogna adorare”. La domanda aveva una ragione. Una delle cause principali per cui fra giudei e samaritani vigeva un forte contrasto, era che secondo i primi si poteva adorare il Signore solo a Gerusalemme, mentre per i samaritani il luogo era il tempio costruito sul monte Gaurizim. Dunque: quale è il luogo in cui di deve adorare il Signore?
 La risposta di Gesù è la seguente: “in Spirito e Verità”. L’unico luogo in cui noi possiamo adorare il Padre è lo Spirito e la Verità. Che cosa significa questa risposta del Signore? La parola «Verità» nel quarto Vangelo indica la Rivelazione che si identifica con le parole e la persona di Gesù. Ormai si può adorare il Padre solo «nella Verità»; cioè in Gesù Cristo. Gesù è il nuovo tempio, di cui questa Cattedrale è il simbolo. Visibilmente noi ci ritroviamo ad adorare il Padre in questo spazio. In realtà, più profondamente, noi ci ritroviamo ad adorare il Padre in Gesù Cristo: il «luogo» della nostra adorazione è la persona del Verbo incarnato.
 Ma Gesù dice anche che noi dobbiamo adorare il Padre «in Spirito». Poiché la Verità, cioè la Rivelazione che è la parola di Gesù, trascende le capacità della nostra persona, per essere accolta ed assimilata è necessaria in noi l’azione dello Spirito Santo. Questi, infatti, facendoci assimilare e facendoci capire la Verità che è Cristo, per ciò stesso ci insegna come adorare il Padre, come rendergli culto. L’adorazione cristiana è quella ispirata e nutrita dalla rivelazione di Cristo sotto e azione dello Spirito Santo. Questa adorazione del Padre, questa preghiera profonda, scaturisce liberamente dal cuore dei credenti poiché in esso dimora la Verità-Cristo.
 Gesù Cristo è il vero tempio in cui noi possiamo adorare il Padre ed è lo Spirito Santo che ci introduce in esso. Contemplate, carissimi fratelli e sorelle, con l’animo pieno di  stupore la bellezza dell’adorazione e del culto cristiano! Esse hanno  una struttura trinitaria. Per adorare, lodare, pregare è necessario che l’uomo sia colmato e compenetrato e dimorato dallo Spirito Santo; Questi ci pone nella piena comunione col Cristo; in Cristo e con Cristo noi diventiamo i veri adoratori del Padre: da Lui siamo stati benedetti, eletti, amati e Lui noi benediciamo, glorifichiamo e ringraziamo.

2. “Stringendovi a Lui, pietra viva, rigettata dagli uomini ma scelta  e preziosa davanti a Dio, anche voi venite impiegati come pietre vive per la costruzione di un edificio spirituale”. La catechesi dell’apostolo Pietro, ascoltata nella seconda lettura, è come una logica conseguenza di quanto Gesù ci ha appena detto nel Vangelo.
 Noi possiamo adorare il Padre solo in Cristo e con Cristo, guidati dallo Spirito Santo. Allora, se vuoi diventare un vero adoratore del Padre, devi stringerti a Cristo. La nostra vita nella sua interezza, quindi anche la nostra preghiera, si basa tutta sul Cristo in modo permanente. Stringendoci a Lui, noi siamo come cementati con Lui: radicati e innestati in Lui.
 Ma l’apostolo è assai più preciso. Noi ci stringiamo al Cristo, al suo mistero pasquale: “pietra viva, rigettata dagli uomini”, ecco la sua morte; “ma scelta e preziosa davanti a Dio”, ecco la sua risurrezione. Attraverso la celebrazione dell’Eucarestia, noi partecipiamo all’offerta che Cristo fa di se stesso al Padre, ed in Lui e con Lui diventiamo oblazione perfetta, pura adorazione e lode. Anche noi diventiamo tempio: “venite impiegati per la costruzione di un edificio spirituale come pietre vive”. Questa santa Cattedrale è il simbolo del tempio totale: di Cristo pietra angolare e di ciascuno di noi pietre che poggiano su di Lui. E’ il simbolo della santa Chiesa che siamo noi, corpo di Cristo. In questo tempio che siamo noi e di cui la Cattedrale è simbolo, noi siamo posti “per offrire sacrifici spirituali graditi a Dio”. Unico sacrificio spirituale gradito a Dio è il corpo immolato di Cristo ed in Lui, la nostra persona e la nostra vita. Questo luogo, la nostra Cattedrale, è così santo poiché in esso la Chiesa che siamo noi è allo stesso tempo sacerdote che offre Cristo, e vittima offerta assieme a Cristo.
 Lo splendore, la bellezza della nostra Cattedrale esprimono la dignità dell’adorazione del Padre in Spirito e Verità: un’adorazione che deve essere compiuta sempre sprofondati nella consapevolezza che noi un tempo eravamo esclusi dalla misericordia, ora invece abbiamo ottenuto misericordia.

 Carissimi fratelli e sorelle: questa sera la nostra celebrazione si arricchisce di gioia particolare. In essa vogliamo ringraziare il Padre per il ventennio di ministero pestrino esercitato dal S. Padre Giovanni Paolo II. Egli è stato testimone forte e mite di ciò che la parola di Dio questa sera ci ha detto: la vera dignità della persona è nel suo essere riferita al Padre in Cristo e con Cristo. Lo splendore del tempio è il segno dello splendore della verità e della dignità della persona in Cristo.