home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


B.V. MARIA DEL MONTE CARMELO
16 luglio 1997

1.  “Acab andò a mangiare e a bere. Elia si recò alla cima del Carmelo”. Il comportamento del re e del profeta stanno ad indicare che il terribile castigo della siccità era ormai terminato. Dio aveva colpito il suo popolo con una siccità durata per anni: una siccità che aveva inaridito tutto, che aveva distrutto ogni genere di vita. Ed è la preghiera del profeta (“gettatosi a terra, pose la faccia tra le ginocchia”) che ottiene la pioggia, l’acqua che ridona la vita. Ricordando questa pagina della Scrittura, l’Apostolo Giacomo scrive alla sua comunità: “Elia era un uomo della nostra stessa terra; pregò intensamente che non piovesse e non piovve sulla terra per tre anni e sei mesi. Poi pregò di nuovo ed il cielo diede la pioggia e la terra produsse il suo frutto” (Gc 3,17-18). Per cui, risulta chiaro, ci insegna ancora l’apostolo, che “molto vale la preghiera del giusto fatta con insistenza” (16b).
 Ma la parola di Dio ci invita oggi a vedere in questa pioggia/acqua finalmente concessa, un “segno” di un altra acqua che dona un’altra vita ad un altro terreno. Quale acqua? Ascoltiamo la promessa fatta dal Signore Iddio per mezzo di un altro profeta: “Non temere ... perché io farò scorrere acqua sul suolo assetato, torrenti sul terreno arido. Spanderò il mio spirito ... cresceranno come erba in mezzo all’acqua, come salici lungo acque correnti” (Is 44, 2-4). Il dono dell’acqua e dei torrenti  significa il dono dello Spirito Santo che ridona la vita al  cuore inaridito dell’uomo: la vita che scaturisce dall’amore fedele e misericordioso di Dio e rinnova l’uomo nell’alleanza della Sua pace.
 E ora ascoltiamo la parola dell’Apostolo: “Dio ha mandato nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio che grida: Abbà, Padre”. Dunque: “quando venne la pienezza dei tempi”, Dio compie la promessa profetica di spandere su di noi il suo Santo Spirito, quello Spirito che la S. Scrittura presenta spesso sotto il simbolo dell’acqua. E’ un simbolo che serve a spiegare alcuni effetti che la presenza dello Spirito Santo produce in colui nel quale dimora. Come l’acqua rende feconda la terra, consentendole di produrre i suoi frutti, così lo Spirito Santo, venendo ad abitare nel nostro cuore, ci istruisce e ci sospinge interiormente a produrre i frutti. Quali? “frutto dello Spirito” ci insegna l’apostolo “è amore , gioia, pace, pazienza, benevolenza, bontà, fedeltà, mitezza, dominio di sé”. Ancora: come l’acqua rende morbido ciò che è duro così lo Spirito Santo rende il nostro cuore pienamente malleabile, disponibile, plasmabile il nostro cuore alle Mani del Padre che vuole configurarci ad immagine del Suo Figlio Unigenito, nel quale “ci ha scelti prima della creazione del mondo”. Preghiamo come Elia perché questa divina Pioggia scrosci dentro di noi.

2. “Donna, ecco tuo figlio”. Oggi, la liturgia della Chiesa ci richiama ad una dimensione della nostra salvezza, sulla quale non dobbiamo mai stancarci di meditare.
 Il dono dello Spirito è frutto della passione di Cristo: è dal suo costato aperto che fluisce l’Acqua dello Spirito. Ora a questo dono, fattoci dal Signore sulla Croce, ha co-operato anche Maria. Ella “serbò fedelmente la sua unione col Figlio sino alla Croce, dove, non senza un disegno divino, se ne stette, soffrendo profondamente col suo sacrificio, amorosamente consenziente all’immolazione della vittima da lei generato” (LG 58). “ Soffrendo col Figlio suo morente in croce, ella cooperò in modo tutto speciale all’opera del Salvatore ... Per questo ella è diventata per noi madre nell’ordine della grazia”. (ib. 61). Perciò a ciascuno di noi oggi è detto: “figlio, ecco tua Madre”.
 Le nostre sorelle e fratelli del Carmelo oggi ci richiamano a questa dimensione mariana della nostra vita cristiana: non si è cristiani, se non si è mariani.
 Interceda Ella per ciascuno di noi, perché scenda in pienezza l’acqua dello Spirito dentro al nostro cuore: dia riposo agli affaticati, salute agli infermi, certezza ai dubbiosi, sollievo ai tribolati, pace agli angosciati, dolcezza ai disperati, consolazione di piccoli, fedeltà agli sposi, coraggio agli sfiduciati, così sia.