home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


BATTESIMO DEL SIGNORE: apertura solenne della Missione
Bondeno 10 gennaio 1999

 Due grandi avvenimenti di salvezza stiamo oggi celebrando in questa S. Eucarestia: il mistero del battesimo del Signore e la solenne apertura della Missione in questo vicariato del Beato Giovanni Tavelli. Ed esiste una singolare connessione fra i due, così da essere indotti a pensare che la coincidenza non sia stata casuale nei piani della divina Provvidenza. Iniziamo dunque la nostra meditazione dal mistero del battesimo del Signore: mistero che illumina di luce singolare il significato della Missione che oggi apriamo.

1. “In quel tempo Gesù dalla Galilea andò al Giordano”. L’evangelista narra l’uscita di Gesù dalla vita nascosta, dall’anonimato in cui aveva vissuto fino a quel momento: dà inizio alla sua missione. Questo particolare è di somma importanza, poiché l’inizio racchiude come in un seme tutto lo svolgimento successivo. Non tutte le scelte che facciamo hanno lo stesso peso, la stessa importanza. Alcune sono scelte che hanno carattere di «inizio», che già pongono cioè in nuce tutta la successiva esistenza. Quale è allora l’inizio di Cristo? “per farsi battezzare”, dice con sconcertante semplicità. Qui, in queste semplici parole è racchiuso tutto il mistero della missione di Cristo.
 Il battesimo somministrato da Giovanni aveva un significato molto preciso: era un gesto mediante il quale chi lo riceveva, riconosceva davanti a Dio la sua condizione di peccatore. Era il gesto della penitenza, per ricevere il perdono. Ed infatti “Giovanni … voleva impedirglielo, dicendo: «io ho bisogno di essere battezzato da te e tu vieni da me?» ” Cioè: “come è possibile che chi è senza peccato mi chieda di compiere questo gesto con cui lo dichiaro bisognoso di perdono, quando le parti dovrebbero essere invertite?”. E Gesù dà una risposta di impenetrabile profondità: “lascia fare per ora, poiché conviene che così adempiamo ogni giustizia”. Cioè: “è necessario che noi compiamo perfettamente la volontà di Dio”. Ecco qui è veramente racchiuso tutto il mistero della redenzione umana!
 Volendo il Padre ricondurre ogni uomo alla santità della sua prima origine, ricostruirlo nella pienezza della dignità perduta, ha inviato il suo Figlio unigenito “in una carne simile a quella del peccato e in vista del peccato” (Rom 8,3). Egli ha preso su di sé le nostre colpe; si è addossato il nostro peccato ed è morto per liberarcene. La sua discesa dentro l’acqua del Giordano, l’acqua versata sul suo capo, prefigura la sua sepoltura. Avendo infatti noi in comune una vita destinata alla morte a causa del peccato, “anch’egli ne è divenuto partecipe, per ridurre all’impotenza mediante la morte colui che della morte ha il potere, cioè il diavolo, e liberare così quelli che per timore della morte erano soggetti a schiavitù per tutta la vita” (Eb 2,14b-15). Ecco questo era il progetto, la volontà del Padre: e Gesù decide fin dal principio di acconsentirvi perfettamente, ponendo un gesto che significasse pienamente la sua obbedienza. E questo gesto è il battesimo nel Giordano, mediante il quale significa la sua condivisione alla nostra condizione.
 E quale è la conseguenza? Che cosa succede dopo che Gesù “appena battezzato … uscì dall’acqua”, cioè ha compiuto la volontà del Padre? Ascoltiamo attentamente.
 «Si aprirono i cieli»: all’uomo è riaperto il passaggio alla vita eterna. Subito dopo il peccato, ci dice la parola di Dio, “il Signore Dio lo scacciò dal giardino di Eden … scacciò l’uomo e pose … i cherubini e la fiamma della spada folgorante, per custodire la via all’albero della vita” (Gen 3,23-24). Ma “appena battezzato, Gesù salì dall’acqua … si aprirono i cieli”. E all’uomo è dato ancora da mangiare dell’albero della vita, che sta nel paradiso di Dio (cfr. Ap 2,7).
 «Ed egli vide lo Spirito di Dio … venire su di Lui». All’inizio della creazione, “Dio plasmò l’uomo e soffiò nelle sue narici un alito di vita e l’uomo divenne un essere vivente” (Gen 2,7). Dopo il peccato, il Signore disse: “il mio Spirito non resterà sempre nell’uomo” (Gen 6,3). Ora che Gesù ha compiuto il disegno del Padre ed ha ricostituito l’umanità nell’obbedienza, lo Spirito di Dio discende nuovamente, per essere nel nuovo Adamo Spirito datore di vita (cfr. 1Cor 15,45).
 «Questi è il mio figlio prediletto»: su questo uomo viene pronunciata questa parola inaudita. Il Verbo fattosi uomo è il Figlio unigenito, nel quale ciascuno di noi è stato predestinato a divenire figlio adottivo mediante il santo battesimo.

2. “In quei giorni Pietro prese la parola e disse: …”. L’avvenimento della salvezza accaduto in Cristo e interamente prefigurato dal battesimo nel Giordano, rivela e compie un disegno del Padre: quello di ricondurre l’uomo nella vita divina. E’ questa “la buona novella della pace, per mezzo di Gesù Cristo, che è il Signore di tutti”.
 E’ nella Signoria di Cristo, instaurata dalla sua morte e risurrezione, che viene adempiuta “la buona novella della pace”. E’ questo il primo bisogno dell’uomo, lo sappia o non: venire a conoscenza dell’avvenimento della salvezza. “Voi conoscete” dice Pietro “ciò che è accaduto…”. L’uomo infatti è stato pensato e voluto in vista di Cristo.
 «Voi conoscete»: il nostro popolo conosce veramente “ciò che è accaduto in tutta la Giudea, incominciando dalla Galilea”? Il cristianesimo è un avvenimento: non una dottrina religiosa, un seguito di leggi morali, un complesso di riti. Tutto questo, dottrina, moralità e rito cristiani, sono conseguenza del porsi di Dio dentro alla nostra storia. Del suo farsi presente in “ciò che è accaduto…”.Il mistero del battesimo, che dà inizio  a questa Presenza pubblica e ne prefigura interamente il senso, ci dice che essa ha cambiato l’uomo: “quando ho incontrato Cristo, mi sono scoperto uomo” (M. Vittorino, in Ephesios 4,14).
 Che cosa in fondo significa la Missione che oggi iniziamo? Uno sforzo straordinario perché ogni persona conosca “ciò che è accaduto in tutta la Giudea…” e, ascoltando “la buona novella della pace, per mezzo di Gesù Cristo, che è il Signore di tutti”, si converta a Lui. Incontrando Lui, ciascuno si scopra uomo: nella verità intera del suo destino. Che è di avere la vita eterna. Vogliamo compiere un supremo atto di amore verso ogni uomo: rivelargli la ragione ultima della sua esistenza; ridargli in questa la piena consapevolezza della sua dignità infinita; fargli conoscere “ciò che è accaduto in tutta la Giudea, incominciando dalla Galilea, dopo il battesimo di Giovanni"”