home
biogr.
english
español
français
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


ORDINAZIONE DIACONI PERMANENTI
7 settembre 1996

1/ “Non abbiate alcun debito con nessuno se non quello di un amore vicendevole”.
 Queste grandi parole dell’Apostolo pongono come obbligatorio un debito gravissimo: un amore vicendevole tale da compiere interamente la Santa Legge del Signore. In realtà, tutta la storia della nostra salvezza ci svela che il Signore stesso si è indebitato con noi, quando, per pura Misericordia, si è legato a noi con Alleanza fedele ed indissolubile. Per questo, Egli ci dice: “Ti ho amato di un amore eterno”. E’ questa Alleanza che ora stiamo celebrando, celebrando la divina Eucarestia: Dio, il Padre, si “sdebita” con noi, donandoci tutto ciò che possiede, il suo Figlio unigenito. Egli è fedele alla sua Alleanza.
 Esattamente questo, l’Apostolo applica qui a ciascuno di noi. Unico debito, il debito più profondo e più esigente, ciò che dobbiamo ad ogni altro è di amarlo: “non abbiate nessun debito ...”. Certo: materialmente, molti sono i doveri di ciascuno di noi verso gli altri, come il dovere di “non commettere adulterio, non uccidere, non rubare, non desiderare”. Tuttavia, nella realtà più profonda della nostra vita, tutti i nostri doveri hanno una sola origine: quella dell’amore.
Ma come si compie questa trasformazione della nostra esistenza, ad immagine del Signore stesso che si è legato a noi, si è “indebitato” verso di noi con il debito di un amore senza limiti? Questa trasformazione si compie perché, celebrando la divina  Eucarestia, ci viene donato lo Spirito Santo. E così non si tratta più di una moltitudine di precetti, ma di un’unica, semplice e compiuta giustizia, compiuta in noi dallo stesso Spirito, se da Lui ci lasciamo condurre: la giustizia dell’amore vicendevole.

2/ Tutti i fedeli si trovano in questa condizione, in questa possibilità di non aver alcun debito con nessuno, se non quello di un amore vicendevole. A tutti i fedeli è dato lo Spirito.
 Ma questa sera noi celebriamo l’Eucarestia, invocando il Padre, da cui proviene ogni dono perfetto, perché effonda il suo Santo Spirito su tre nostri fratelli, consacrandoli nel santo ministero del diaconato permanente. Quel carattere sacramentale che fra poco vi configurerà in modo speciale a Cristo, è fondamento di uno speciale legame della vostra persona ai vostri fratelli di fede che sono la S. Chiesa di Dio. Quale legame? nessun altro, se non quello dell’amore, del servizio.
 La parola di Dio che oggi viene annunciata vi richiama ad una particolare espressione o contenuto di questo amore e servizio. Sia nella lettura profetica sia nella lettura evangelica si parla oggi di empietà, di fratelli che commettono colpe. La nostra attenzione è oggi così richiamata sulla peggiore delle tre miserie che possono impoverire una persona umana. Esiste infatti, una miseria materiale: la carenza dei mezzi di sussistenza degna di una persona. Esiste una miseria culturale: la carenza del beni spirituali dell’uomo, senza dei quali la persona non raggiungerà mai la pienezza della sua umanità. Ed esiste la miseria spirituale: è la peggiore poiché essa deturpa l’intima bellezza della persona umana, che consiste nella santità. Oggi la Parola di Dio richiama la nostra attenzione su questa miseria. Che cosa deve il diacono alla persona che vive in questa miseria? Quale è il suo debito di amore verso di essa? Ascoltate la parola del Profeta: “io ti ho costituito sentinella ... ascolterai una parola ...”. Qui è descritto interamente il vostro servizio di carità verso il fratello spiritualmente misero: annunciargli la parola di Dio, perché si converta. Carissimi diaconi: vi sarà donato il Vangelo. Ecco ciò che dovete al fratello: il Vangelo. E’ di esso che ha bisogno, non di altre parole. “Ascolterai una parola da parte mia”: non dite se non la Parola che avete ascoltato da parte del Signore, qualunque sia il servizio ecclesiale che eserciterete.
Ascoltate la parola del Signore: “se il tuo fratello ... ammoniscilo”. Vi è chiesto il servizio alla verità sull’uomo, non lasciandovi trascinare da mode umane: “ammoniscilo”. Digli la verità sul bene della sua persona.

 La pienezza dello Spirito scenda su di voi, carissimi diaconi; scenda sui presbiteri, miei necessari e principali cooperatori; scenda sul Vescovo, perché tutti - Vescovo, presbiteri e diaconi - assumiamo in noi stessi, con viscere di misericordia, ogni miseria del fratello ed, insieme, per andare oltre noi stessi, nell’aspirare alle realtà invisibili. E tutti, “non abbiamo alcun debito con nessuno, se non quello di un amore vicendevole”.