home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


OMELIA OGNISANTI ALLA CERTOSA
1 novembre 1997

1. “Oggi ci dai la gioia di contemplare la città del cielo, la santa Gerusalemme che è nostra madre”. Comincia così oggi la grande preghiera eucaristica e mai come nella festività odierna di tutti i Santi siamo invitati a vivere la celebrazione dell’Eucarestia come partecipazione momentanea alla liturgia di lode della vita eterna. Ma ciò che sconcerta è che siamo invitati a vivere questa esperienza di passaggio “da questa mensa eucaristica ... al festoso banchetto del cielo” in un cimitero. Quale contrasto! Siamo invitati a contemplare la dimora della vita nella dimora della morte.
 Ma questo primo “impatto” fra la festosa celebrazione eucaristica in onore di tutti i Santi e questa “città della morte” ci aiuta  a penetrare fino in fondo nel mistero che stiamo celebrando.
 L’apostolo Giovanni ci invita di fatto a porre il nostro sguardo contemplativo sul centro stesso di tutto: “vedete quale grande amore ...”. Ecco questo è la chiave interpretativa dell’intero: questo grande amore con cui il Padre ci ha amati. E l’amore del Padre ha un preciso contenuto: la nostra eterna predestinazione ad essere figli nel Figlio unigenito mediante il dono dello Spirito Santo. Siamo partecipi della stessa divina figliazione del Verbo che facendosi uomo, si è fatto primogenito di molti fratelli.
Tuttavia il medesimo apostolo Giovanni non ci nasconde che la realizzazione in noi di questo progetto che il Padre ha disegnato per ciascuno, ha come due momenti o tappe. “Ciò che saremo non è stato ancora rivelato”: è il primo momento, nel quale il nostro destino e la nostra dignità è come oscurata, non ancora rivelata. Anzi guardando questo luogo in cui ci troviamo, negata da un altro destino e dall’indegnità della corruzione del sepolcro. Ma l’apostolo continua: “Quando egli si sarà manifestato, noi saremo simili a Lui”: è il secondo momento, nel quale il nostro destino si compirà definitivamente. “Poiché quelli che egli da sempre ha conosciuto li ha anche predestinati ad essere conformi all’immagine del Figlio suo” (Rom. 8,29a): il secondo momento, nel quale la nostra dignità sarà pienamente rivendicata. Questo contrasto che appare ai nostri occhi fra una dimora di morte in cui ci troviamo e la città del cielo che ci è dato la gioia di contemplare per qualche momento, esprime compiutamente il nostro intero cammino, l’intera verità della nostra persona, ancora una volta mirabilmente descritto dalla preghiera liturgica: “verso la patria comune, noi pellegrini sulla terra”. Qui, come in nessun altro luogo siamo confrontati con l’enigma supremo della nostra esistenza: è questa nostra vita una breve parentesi fra un nulla che ci precedeva ed un nulla eterno che ci aspetta oppure è un pellegrinaggio verso la nostra vera e definitiva dimora? “Noi saremo simili a Lui, perché lo vedremo così come Egli è”. E’ questa la risposta cristiana: sei destinato a vivere la stessa vita di Dio nella visione del suo Volto. Il sepolcro non è la nostra dimora definitiva, dal momento che “noi saremo simili a Lui, perché lo vedremo così come Egli è”.

2. Ma oggi ed in questo luogo questa contemplazione dell’amore del Padre e nella sua luce, della verità della nostra persona, ha due particolari dimensioni.
 - Nel nostro pellegrinaggio ci sentiamo oggi accompagnati dai nostri amici più cari, i santi. “Nella vita spirituale cristiana i santi sono i fratelli maggiori che ci portano per mano, sono gli amici che ci accompagnano nel cammino. Non ci manca mai il loro amore. Conoscono le nostre debolezze, non si scandalizzano di noi, non si stancano, sono sempre pronti ad aiutarci, ci confortano, ci danno fiducia. Se li conosceremo, non potremo più dimenticarli” (D. Barsotti).
 - In questo luogo ci sentiamo chiamati ad aiutare colla nostra preghiera del cristiano suffragio chi ancora attende di vedere il Volto del Padre.
 
 Questa è la mirabile esperienza di essere Chiesa! Né tempo, né spazio, né morte ci separa poiché Cristo, nel quale viviamo, è ormai presente ovunque e sempre!