home
biogr.
english
español
français
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


Santo Natale del Signore. Messa della Notte
Cattedrale di Ferrara, 24 dicembre 2003

1. "Il popolo che camminava nelle tenebre vide una grande luce". Carissimi fratelli e sorelle, questa parola profetica ci introduce nel contenuto della celebrazione che stiamo facendo: l’uomo che camminava nelle tenebre vide una grande luce.

Presso tutti i popoli la vita umana è stata paragonata ad un viaggio, ad un cammino. Ogni viaggio ha una meta; ogni cammino un traguardo. E il viaggio della nostra vita quale meta ha? Quale traguardo? L’uomo sembra non saperlo più: cammina nelle tenebre, perché non conosce più la meta ultima del suo peregrinare. E spesso disperiamo sulle sorti finali anche della storia umana. Abbiamo perduto la certezza di una meta finale capace di trasformare in tappe successive le giornate della nostra vita. È questa situazione che ci rende così insicuri e ci porta a mascherare il nostro profondo disagio in una fretta continua.

Il profeta ci dice: "questo popolo – cioè noi – ha visto in questa notte [nella notte del nostro disagio] una grande luce. Quale luce? Ascoltiamo l’apostolo Paolo.

2. "Carissimi, è apparsa la grazia di Dio, apportatrice di salvezza per tutti gli uomini". La luce che illumina il cammino della nostra vita è la grazia di Dio, apportatrice di salvezza per tutti gli uomini.

È apparsa la grazia di Dio: ecco ciò che è accaduto in questa notte. Dio ha rivelato il suo atteggiamento verso l’uomo: è un atteggiamento di benevolenza, di amore, di misericordia. L’uomo , ciascuno di noi vedendo questa luce non si sente più abbandonato a se stesso, ma portato da un Amore che intende guidarlo verso una pienezza di vita; non si sente più consegnato ad un destino senza volto e nome, ma preso per mano da una Potenza che spezza "il giogo che l’opprimeva". L’Apostolo infatti continua dicendoci che la grazia di Dio "ci insegna a rinnegare l’empietà e i desideri mondani e a vivere con sobrietà, giustizia e pietà in questo mondo" [ecco il nostro pellegrinaggio] "nell’attesa della beata speranza e della manifestazione della gloria del nostro grande Dio e salvatore Gesù Cristo" [ecco la meta finale del nostro cammino].

In questa notte la nostra vita ha subito la più profonda trasformazione: ha cessato di essere un girovagare senza meta ed è divenuto un pellegrinaggio della "beata speranza" verso la manifestazione della gloria del nostro grande Dio e salvatore Gesù Cristo.

3. "Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo depose in una mangiatoia". La narrazione evangelica descrive il modo con cui è apparsa la grazia di Dio: è apparso nel fatto che Dio è stato concepito e partorito da una donna nella nostra natura umana. La grazia di Dio, il suo amore verso l’uomo si è dimostrato, ha preso corpo in questo concepimento ed in questo parto.

Dio facendosi uomo si è fatto compagno dell’uomo nel cammino della vita, condividendone pienamente la condizione. Questa condivisione divina della nostra natura e condizione fonda la certezza che possiamo essere salvati dalla perdizione eterna. È ciò che hanno detto gli angeli stessi: "oggi vi è nato nella città i Davide un salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, che giace in una mangiatoia".