home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


Santo Natale del Signore. Messa del Giorno
Cattedrale di Ferrara, 25 dicembre 2003

1. "Dio nessuno l檀a mai visto". Carissimi fratelli e sorelle, questa parola evangelica appena ascoltata sembra descrivere meglio di ogni altra la condizione attuale dell置omo; anche forse di molti di voi venuti così numerosi a questa celebrazione: "Dio? e chi lo ha mai visto? "Dio nessuno l檀a mai visto"". Ci sentiamo tutti, più o meno, consegnati ad un destino di cui nessuno è mai riuscito colla sola sua ragione a decifrare il volto, a pronunciare il nome.

Nondimeno in questo giorno di Natale, la fede cristiana propone all置omo la più paradossale delle affermazioni: "proprio il Figlio unigenito, che è nel seno del Padre, lui lo ha rivelato, poiché "il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi"". Dio oggi si è fatto vedere nel suo Figlio unico fatto uomo, in questo bambino nato a Betlemme da Maria. Lui, questo uomo in mezzo a miliardi di uomini che l檀anno preceduto e seguito, è unico: è Dio fattosi uomo perché noi potessimo vedere la sua Gloria.

Dio assume la nostra natura e condizione umana, divenendo così uno di noi. Dio parla la nostra lingua; risponde a tutte le domande che noi, a volte con disperazione, rivolgiamo a Lui. Perché il male? Egli Dio assume in sé il male per liberarcene. Perché la sofferenza? Egli Dio prende su di sé le nostre sofferenze perché non siano più senza senso. Perché la morte? Egli Dio prende su di sé la nostra morte per donarci la sua vita. Prende su di sé l段nsonne interrogarsi dell置omo, perché l置omo trovi in Lui la risposta adeguata: "veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo".

Oggi nel bambino nato a Betlemme si ha la rivelazione suprema dell誕more di Dio verso l置omo. Attraverso il suo Figlio Egli ci si fa vicino e ci raggiunge nella nostra solitudine, per quanto immersa essa sia. Egli ci consola nella nostra disperazione, per quanto essa appaia senza via di uscita: "la luce splende nelle tenebre".

2. Carissimi fratelli e sorelle, oggi non ci è svelato solo il Volto di Dio "pieno di grazia e di verità". Ci è svelato anche il destino dell置omo, la sua vocazione altissima, la sua incomparabile dignità. La salvezza infatti che ci viene donata ci offre un potere inaudito, che a stento riusciamo a comprendere: "ha dato il potere di diventare figli di Dio". Oggi viene dato all置omo che crede il potere di diventare figli di Dio. In questo consiste la nostra suprema dignità: la fede consente all置omo di essere generato da Dio.

Carissimi fedeli, viviamo sempre più in una cultura e ci affatichiamo a costruire una civiltà che intende fare senza Dio. Non contro Dio; senza Dio. E l置omo che fine fa? Che ne è dell置omo? Lo vediamo nella vita soppressa ancor prima di nascere; nel volto dei bambini sfigurato dalla guerra; nella degradazione del vincolo santo del matrimonio; nell弛ppressione del povero umiliato dagli altri. Ma questa sera noi scopriamo la radice della dignità dell置omo: il potere di diventare figlio di Dio. Quando l置omo si priva di questo potere, si è privato della sua regalità. L置omo ha il potere di diventare re, perché diventa figlio del re dell置niverso, di Dio. Non dimentichiamocene mai! Ogni uomo, anche quello più deturpato o dai propri atti o dall段ngiustizia altrui, conserva questo supremo splendore: il potere di diventare figlio di Dio, ricevuto oggi nel Verbo incarnato. Dio si è fatto uomo, perché l置omo divenisse dio.

Facciamo nostra la preghiera della Chiesa: "O Dio fa che possiamo condividere la vita divina del tuo Figlio, che oggi ha voluto assumere la nostra natura umana".