home
biogr.
english
español
français
Deutsch
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


LA MATURITÀ DELLA FEDE
24 MARZO 1996

 Vorrei riflettere attentamente sulle qualità di una esistenza cristiana matura. Voi comprenderete che così enunciato il tema è di una grande vastità da non potere essere trattato una sola volta. Ho pensato di  limitarmi a una dimensione specifica della nostra vita cristiana, quella della fede. Ma anche così riformulato, la riflessione risulterebbe molto ampia. Alla fine, cercherò di rispondere a due sole domande. La prima: che cosa significa fede matura o adulta? La seconda: quale è oggi il rischio maggiore per la fede? La risposta alle due domande costituirà rispettivamente il primo e il secondo punto della mia relazione.

1. La perfezione della fede

 Credo sia utile, per capire in che cosa consiste la maturazione della fede, chiederci ancora una volta quale è il nucleo essenziale del cristianesimo, che cosa esso sia veramente.
 “Il cristianesimo, in sé, non è una concezione della realtà, non è un codice di precetti, non è una liturgia. Non è neppure uno slancio di solidarietà umana, né una proposta di fraternità sociale. Anzi, il cristianesimo non è neanche una religione. E’ un avvenimento, un fatto che si compendia in una persona. Oggi si sente dire che in fondo tutte le religioni si equivalgono perché ognuna ha qualcosa di buono. Probabilmente è anche vero. Ma il cristianesimo con questo non centra. Perché il cristianesimo non è una religione, ma è Gesù Cristo, cioè è una persona” (Card. Biffi). E’ il punto centrale. Per essere buddisti, per esempio, basta conoscere la dottrina e attuarla: si può essere buddisti senza sapere nulla della vita del Buddha. Non si può essere cristiani senza “l’incontro” con Gesù Cristo, poiché essere cristiani è nient’altro che questo evento che plasma tutta la vita. Ma è necessario precisare ancora. Qualcuno potrebbe pensare che questa “relazione a, con Cristo” consista nel fatto che noi veniamo a conoscenza dei suoi insegnamenti e cerchiamo di viverli, conservandone così perennemente la memoria. Non è questo il cristianesimo. E’ un “incontro” con Cristo che è vivo oggi, in carne ed ossa come me, con un cuore che pulsa come il mio. In questo senso si deve dire che il cristianesimo è la resurrezione di Gesù, meglio è Gesù risorto. Ed infatti che cosa sono andati a dire gli apostoli di Lui? Una parola sola: è risorto. Essi avevano vissuto una esperienza straordinaria: avevano vissuto con Lui. Poi una tragedia terribile: la sua morte. Era la fine di tutto: ogni speranza era sepolta. Ma essi lo rividero: vivo, in carne ed ossa. Ed allora la vita ricominciò: “Ho visto il Signore risorto”. E’ vivo, oggi: il cristianesimo è incontro con Lui. Il cristianesimo non è alleanza con Dio che parla attraverso i suoi profeti: è Dio che fattosi uomo è morto ed è resuscitato. Tutto il cristianesimo è questo.
 Ho parlato di “incontro”, di “relazione a, con ...”, usando di proposito espressioni ancora imprecise. Ora dobbiamo cercare di precisare al massimo che cosa, quali esperienze  denotino quelle parole. Siamo nel centro della nostra riflessione: in che cosa consiste la pienezza della fede. Proviamo a leggere una pagina, fra le tante possibili della lettera ai Filippesi (3,4-13), dove San Paolo descrive precisamente la sua esperienza.
 Prima di tutto, trattasi di un evento che rompe in due la vita di una persona: la propria biografia è “prima” e “dopo” Cristo.  E’ ciò che la scrittura chiama conversione.
 La prima dimensione di questa esperienza è che si vedono le cose, la realtà tutta in un modo diverso: ciò che era considerato un guadagno ora lo si considera una perdita. E’ Lui ormai l’unico criterio totalizzante del nostro modo di pensare, di giudicare: è l’orizzonte totale della propria vita. “Tutto”, dice S. Paolo: nulla sfugge a questa luce. L’esistenza diventa Cristo-centrica.
 Ma questa dimensione nasce da qualcosa di ancora più profondo che è accaduto nella persona: “essere trovato in Lui” dice S. Paolo. E’ una sorta di espropriazione di se stessi, perché il nostro io sia Lui stesso. “Non sono più io che vivo, ma è Cristo che vive in me”. Ed ancora “Per me vivere è Cristo e morire n guadagno”. Ora quale è l’espressione del possesso che la persona ha di se stessa? E’ la sua libertà. L’auto-possesso consiste nel nostro essere liberi: nell’essere sorgente ultima del nostro agire. E’ ciò che Paolo chiama  “una mia giustizia derivante dalla legge”.
 Ecco l’altra fondamentale dimensione: le mie scelte hanno il loro principio in Cristo stesso che è in me e nel quale io dimoro. E’ un “lasciarsi condurre da Lui”.
S. Ignazio pregava: “prendi tutta la mia libertà”.
 Ecco: credo, che questa sia l’esperienza denotata dalle parole “incontro con Cristo” “relazione con Cristo”. Esso è l’essere nel Cristo e Cristo in noi. Questa reciproca immanenza diventa l’unico criterio di giudizio e fa sì che Cristo sia il principio ultimo di ogni nostra scelta.
 Ma una ultima osservazione. Come ogni grande esperienza che può coinvolgere la nostra esistenza, essa chiede tempo per investire la nostra vita in tutta la sua profondità ed estensione. Per questa ragione, S. Paolo dice: “dimentico del passato e proteso verso il futuro corro verso la meta”. Ed è in questo contesto che si pone precisamente la domanda sulla maturazione della fede. Ho usato ora il termine di “maturazione” e non più di “maturità”. Esso indica meglio un processo che va, diciamo, dal meno al più. E dunque dobbiamo chiederci quali sono le leggi che governano intimamente questa maturazione, gli orientamenti che ha in se stesso. Queste leggi mi sembrano fondamentalmente due: la legge dell’universalizzazione cristocentrica, la legge dell’obbedienza.
 La prima legge, la potrei enunciare in questi termini: ogni dimensione ed ogni esperienza umana è capita e vissuta nella luce del nostro essere in Cristo. E quindi, noi stiamo maturando nella fede se osserviamo che nella nostra esistenza sta accadendo questo processo. Quali, diciamo così, processi contrastano questa legge e quindi si oppongono alla maturazione della nostra fede? Non è poi così difficile ora vederlo. Due processi vi si oppongono. O il pensare ed il vivere esperienze umane non nella luce del nostro essere in Cristo, ritenendo che sia possibile viverle pienamente non in Lui: è il processo della scristianizzazione secolarista. Oppure il pensare di vivere in Cristo come se questo complicasse il rifiuto di ciò che è veramente umano, anche di un solo frammento dell’umano: è il processo dello spiritualismo che evacua del contenuto ideale dell’avvenimento cristiano. In breve e più semplicemente: la passione per Cristo è misurata dalla passione per l’uomo e la passione per l’uomo è generata dalla passione per Cristo.
 La seconda legge, la potrei enunciare in questi termini: la nostra legge è lo Spirito santo che dimora in noi per cui dobbiamo lasciarci condurre da Lui. Il processo di maturazione è un processo di obbedienza allo Spirito. Ancora una volta due processi si oppongono a questa “sovranità dello Spirito”. Il primo (presente in tutta la cultura moderna) consiste nel togliere ogni riferimento alla “carne ed al sangue” che assume sempre la nostra obbedienza allo Spirito: la riduzione di questa sovranità ad un ideale etico. Il secondo consiste nell’idolatria dell’istituzione umana, nella burocratizzazione dell’avvenimento cristiano.
 Vorrei ora fare una precisazione assai importante, partendo da un esempio semplice. Noi possiamo scoprire le leggi che regolano lo sviluppo di un organismo vivente, tuttavia, la vita non è queste leggi: essa si sviluppa secondo esse, non è esse. La vita è Cristo in noi e noi in Cristo. Il nostro vivere in Cristo si sviluppa secondo queste leggi, altrimenti moriamo. Questa vita in Cristo e di Cristo in noi (è questo l’evento nella sua intima essenza) che si sviluppa secondo quelle leggi ha un nome: si chiama la Chiesa che pertanto è Santa, Cattolica ed Apostolica, originando così quella Unità che è la presenza della comunione trinitaria nella nostra storia.
 

2. La “sfida” alla maturazione della fede (schema)

2,1:  Il processo anti-cristiano si è articolato secondo le due leggi opposte a quelle due precedenti. Separazione del cristiano dallo “umano”; costruzione della “soggettività” umana in termini di “autonomia assoluta”.
Il risultato è stato il nichilismo.
2,2:  il risultato del nichilismo è l’indifferentismo, che oggi è l’unica vera sfida al credente.
2,3: come  “reagisce” il cristiano maturo alla sfida dell’indifferentismo? E’ il tema della “ri-evangelizzazione”.