home
biogr.
english
español
français
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


DEDICAZIONE DEL SANTUARIO MADONNA DEL POGGIO
13 febbraio 2005


1. Carissimi fratelli e sorelle, questo tempio che stiamo dedicando è un luogo santo ed è il segno di realtà sante.

Esso è un luogo santo poiché in esso si compie l’adorazione del Padre in spirito e verità. Alla domanda della donna samaritana Gesù risponde che "è giunto il momento, ed è questo, in cui i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità; perché il Padre cerca tali adoratori".

La verità di cui parla Gesù non è un’astratta dottrina da lui insegnata e che ci chiede di imparare. È la rivelazione che Egli fa del Padre mediante la sua persona, la sua vita-morte-risurrezione, la sua parola e i segni-miracoli che ha compiuto. Gesù fa coincidere la Verità colla sua persona: "io sono la verità".

Perché noi potessimo assimilare profondamente questa verità, farla interamente nostra, il Signore ci ha donato il suo Spirito. Egli ci introduce nella verità tutta intera; Egli la scrive, per così dire, nel nostro cuore.

Ecco, fratelli e sorelle, a chi è donato di "adorare il padre in Spirito e Verità". A noi che siamo stati uniti a Cristo per mezzo dello Spirito Santo, così che la preghiera di Cristo diventa la nostra preghiera e reciprocamente la nostra diventa la preghiera di Cristo. Per il dono dello Spirito Santo è Cristo che in noi prega il Padre e siamo noi che in Cristo adoriamo il Padre. È tali adoratori che il Padre cerca! Nelle nostre voci egli sente la voce del suo Unigenito in cui ha posto ogni compiacenza.

Quando Giacobbe si presentò al padre Isacco, questi – dice la Scrittura - "aspirò l’odore degli abiti di lui e lo benedisse: ecco l’odore del mio figlio" [Gen 27,27]. Così accade in questo luogo. Quando saremo ammessi alla presenza di Dio, Egli sentirà emanare da noi l’odore di Cristo poiché siamo rivestiti di Lui e ci benedirà "con ogni benedizione spirituale nei cieli, in Cristo" [Ef 1,3].

È per questo che la Chiesa rivolgendosi al Padre nell’offerta eucaristica, ha l’ardire di dirgli: "riconosci nell’offerta della tua Chiesa la vittima immolata per la nostra redenzione". Possiamo essere certi che nella nostra assemblea liturgica si avvera quanto ci ha detto il profeta: "i loro olocausti e i loro sacrifici saliranno graditi sul mio altare, perché il mio tempio si chiamerà casa si preghiera per tutti i popoli". La molteplicità delle offerte è finita così come la loro ripetizione, poiché Cristo ha offerto se stesso una volta per sempre: a ciascuno di noi è chiesto di partecipare a questa offerta.

2. L’apostolo Paolo ci rivela che questo non è solo il luogo in cui noi adoriamo il Padre in Spirito e Verità. Esso è il segno di un altro tempio. Riascoltiamo l’apostolo: "non sapete che siete tempio di Dio e che lo Spirito abita in voi?".

Questo tempio fatto di pietre significa la comunità cristiana fatta di pietre vive che siete voi. Essendovi infatti stretti a Cristo mediante il battesimo, pietra viva rigettata dagli uomini, ma scelta e preziosa davanti a Dio, anche voi siete stati impiegati come pietre vive per la costruzione di un edificio spirituale [cfr. 1Pt 2,4-5].

Siamo noi sacerdoti i collaboratori di Dio nella costruzione di questo edificio santo. Ma l’apostolo ci ammonisce gravemente: "ciascuno stia attento come costruisce. Infatti nessuno può porre un fondamento diverso da quello che già vi si trova, che è Gesù Cristo". Guai a noi se, per malintesi sensi di dialogo, mettessimo un altro fondamento!

Ma anche a voi la parola di Dio rivolge un ammonimento severo: "obbedite ai vostri capi e state loro sottomessi, perché essi vegliano su di voi, come chi ha da renderne conto; obbedite, perché facciano questo con gioia e non gemendo: ciò non sarebbe vantaggioso per voi" [Eb 13,17].

Ma la parola dell’Apostolo ha anche un altro significato. Non solo voi siete il tempio di Dio in quanto comunità cristiana; ciascuno di voi è il tempio di Dio; in ciascuno di voi abita lo Spirito Santo. Nel tempio di Dio che è ciascuno di voi sono presentate offerte gradite: è "il frutto di labbra che confessano il suo nome" [Eb 13,15]; è soprattutto il frutto delle buone opere che mossi dallo Spirito voi compirete. E come desiderate che questo tempio materiale sia bello e splendente, così dovete fare in modo che anche il tempio che siete voi sia sempre splendente della luce della fede e pieno di bellezza per la santità della vita.

Vedete quanto è sublime la dignità della persona umana ed inviolabile la sua incomparabile grandezza! "Se uno distrugge il tempio di Dio, Dio distruggerà lui". Mancare di rispetto alla persona umana è violare la santità di Dio; è deturpare la sua immagine. Ogni mancanza di rispetto all’uomo assume il carattere di un sacrilegio, "perché santo è il tempio di Dio, che siete voi".

3. Questo tempio è un tempio mariano. Quanto abbiamo detto si realizza in grado eminente nella persona di Maria.

Nessuna persona umana adorò il Padre in Spirito e Verità con maggiore profondità di lei: Ella è la donna dell’adorazione.

Nel tempio santo che è la Chiesa, lei è la pietra più preziosa e più splendente poiché più di ogni altra è stretta alla pietra viva che è Cristo.

Nella sua persona dimorò Dio stesso, fisicamente: Ella – unica in tutto l’universo – sentì corporalmente in sé la presenza di Dio: è il tempio santo di Dio.

Che la Madre di Dio ci ottenga di essere veri adoratori del Padre; ci introduca sempre più profondamente nel mistero della Chiesa; faccia di ciascuno di noi un tempio dello Spirito Santo.