home
biogr.
english
español
français
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


L置manesimo dantesco, via dello spirito europeo

(tratto da ART'E'. Rivista d'arte, cultura e comunicazione, n. 5, settembre-ottobre 2004)


Lo smarrimento dell置omo nell置niverso nel quale si trova immerso è il suo attuale dramma esistenziale. È uno smarrimento a livello conoscitivo: ha guadagnato il mondo intero e ha perduto la propria anima. Non sa più che cosa sia bene e che cosa sia male. Si è disperso nel labirinto delle sue scoperte, senza poter ritrovare la "diritta via" che conduce alla sua città, alla sua casa. La paura lo paralizza, la sfiducia gli toglie le ultime energie, la mancanza di speranza lo chiude nei deserti dell誕ngoscia. Non sa più neppure che cosa chiedere, vivendo pieno di cose e privo di senso.

È compito della Chiesa andare a cercare quest置omo per spiegargli chi è, da dove viene, qual è la sua meta, qual è il suo destino eterno.

La fede del popolo di Dio, nel fluire dei secoli, è stata capace di esprimere degli itinerari sapienziali che rimangono vere miniere di ricchezza spirituale: la Divina Commedia è una di queste, forse la fondamentale. L置manesimo italiano, che ha improntato di sé l段ntera Europa e lo spirito europeo, non sarebbe comprensibile senza la genialità artistica e culturale di Dante.

Nella Commedia si compendia tutto l段tinerario sapienziale che parte dalla condizione smarrita dell置omo e lo porta all誕pice della conoscenza che è l弾sperienza mistica, cioè alla contemplazione di quella "nostra effigie" che si trova all段nterno della nostra vita trinitaria. Prima Virgilio, simbolo della ragione umana, che guida e conduce, poi Beatrice, simbolo della sapienza divina, che fa salire fino alla massima conoscenza dell置omo nuovo, quindi Bernardo che introduce l置omo nel Mistero, attraverso la mediazione mariana.

Nella prospettiva dell置manesimo dantesco è di grande rilevanza lo stile della "cortesia", che è manifestato dalla figura femminile "onesta", che cioè introduce con "gentilezza" nel ritmo interno della "corte". D誕ltronde tutto il grande sviluppo dell置manesimo italiano ha avuto i suoi centri vitali nelle città e nelle corti del prìncipi, che si sono circondati delle migliori intelligenze presenti nel loro tempo. E le figure femminili emergenti sono sempre state determinanti rispetto al clima di tali centri di convergenza culturale.

L置manesimo dantesco ha però come chiaro riferimento la "Corte celeste" che è tutta improntata dall但more di Dio, dalla carità, che si dispiega nel tempo come multiforme sapienza capace di disporre con dolcezza tutte le cose (cfr. Sap 8, 1). È uno stile amabile, nobile, che disarma le contese, che vince le inimicizie, contro cui la malvagità non può prevalere (cfr. Sap 7, 9). Potremmo dire che è da questo divino "dolce stil novo" che discende la più alta aspirazione dello stile dell置manesimo italiano.

In realtà, è lo "stile cristiano", di cui ogni uomo avverte la ricorrente soavità, e che diventa premurosa guida nel cammino dell誕nima dallo smarrimento della "selva oscura" fino alla contemplazione dell置manità nuova, irradiata dalla luce divina.

La fiducia che la convivenza umana possa ritrovare la sua armonia fraterna in uno stile dolce e pacato nasce dalla chiara consapevolezza che cè una "Corte divina", mossa in modo vario dall置nico Amore del Padre celeste, da cui può discendere la luce necessaria e l誕iuto opportuno per uscire da questa "selva selvaggia e aspra e forte", nella quale la nostra umanità si è smarrita, ritrovando la guida di una ragione purificata, rinvigorita e illuminata dalla Sapienza divina, unificata e unificante.

Per questo Dante rimane un maestro sommo dello spirito, che ha segnato con un marchio indelebile l段ntera civiltà europea.