home
biogr.
english
español
français
한 국 어
1976/95
1996
1997
1998
1999
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
2014
2015
2016
2017


"Chiesa, perché? Chiesa, come?"
Incontro con i giovani di Castel Maggiore
Bondanello
20 aprile 2004

Le due domande in cui è formulato il tema del nostro incontro sono decisive per la nostra vita, perché dalla risposta dipende la nostra profonda appartenenza alla Chiesa. Dividerò pertanto la mia riflessione in due parti, corrispondenti alle due domande medesime, e quindi concluderò con alcune riflessioni essenziali sull’appartenenza alla Chiesa.

1. [Chiesa, perché?]. La risposta a questa prima domanda nasce dalla risposta ad una domanda ancora più seria per la nostra vita. È la seguente: "come faccio oggi ad incontrare Gesù Cristo facendo sostanzialmente la stessa esperienza fatta da Zaccheo, da Maria Maddalena, da Pietro e Giovanni …: un’esperienza di una pienezza di libertà, di capacità di amare, di gioia vera?".

Questa domanda ha percorso questi duemila anni che ci separano da Cristo. E siccome sono state date risposte false che non hanno affatto portato ad incontrare Cristo, credo sia bene prima di tutto indicarvele così che non le seguiate. Sulle strade indicate da esse non incontrereste mai Gesù Cristo. Tempo e fatica persi.

La prima strada sbagliata è la seguente. Immaginiamo che un ragazzo abbia incontrato una ragazza e comincia a nascere fra loro l’amore. Uno dei due comincia a pensare: "come faccio a sapere se mi ama o no?" E decide: "siccome mi ha scritto alcune lettere, vado ad analizzare quelle lettere e così saprò se mi ama o no".

Che stoltezza! Si può sapere, rendersi conto di chi è una persona per te prescindendo dalla persona stessa, e studiando ciò che la persona ha detto o scritto?

Molti hanno cercato una risposta a quella domanda facendo uno studio molto accurato di ciò che Gesù aveva detto o fatto, attraverso una analisi molto accurata di ciò che di Lui ci hanno tramandato coloro che lo hanno visto ed ascoltato: i testi evangelici. Che cosa hanno trovato alla fine? Niente.

All’origine di questo atteggiamento sta un errore di metodo molto grave. Perché? perché c’è un solo modo di renderti conto se la tua/il tuo ragazza/o ti vuole: la sua compagnia, stare assieme. Così c’è un modo per vedere se Gesù dice il vero, se le sue promesse sono affidabili: la sua compagnia. Bisogna dunque verificare se la sua "compagnia" è oggi possibile.

La seconda strada sbagliata è oggi molto battuta, anche (e soprattutto) da voi giovani. E’ più ingannevole, perché è più seducente.

La domanda, vi ricordate, è: "come faccio oggi ad incontrarmi con Cristo ...?" La risposta è: "facendo quello che ti dice di fare (lavora per i poveri, impegnati per la pace ...); esegui con generosità ciò che ti dice di fare". Poiché, ripeto, questa risposta è molto seducente ed ha ingannato già tanti giovani, impedendo loro di incontrare Cristo, dobbiamo analizzare bene questa risposta.

Comincio col richiamare la vostra attenzione su un episodio evangelico: l’incontro con Zaccheo. Quando è che accade l’incontro? Quando Zaccheo dice: "restituisco ...do la metà ai poveri"? No: questa decisione di Zaccheo è una conseguenza dell’incontro con Cristo. E’ Cristo che dice: "scendi, oggi mangio con te". Ecco l’incontro! E solo allora Zaccheo capisce che non si può stare in compagnia con Cristo e continuare a rubare, ad essere prepotenti coi più deboli, a prevaricare sugli innocenti.

Vedete: questa seconda strada commette lo stesso errore della prima. Pensa: non c’è che un modo di essere con Cristo, quello di imitare ciò che ha fatto. Parte già dal presupposto che Egli, in persona, non possa ora affiancarsi al cammino dell’uomo. Egli – si pensa – continua ad essere presente in mezzo a noi nel senso che noi possiamo, dobbiamo "portare avanti la sua causa".

Ma è proprio vero che questa è la sua compagnia, la modalità della sua presenza? Oppure posso vivere la stessa esperienza di Zaccheo: Cristo in persona mi invita a "stare con Lui"?

Questa è la domanda e la risposta ha un nome: si chiama CHIESA. C’è un solo modo, un solo metodo, una sola strada per incontrare Cristo vivere l’esperienza della Chiesa; essere nella Chiesa, perché la Chiesa è vivere con Cristo.

Abbiamo trovato la risposta che cercavamo. Come faccio oggi ad incontrare Cristo? Esiste una comunità di uomini e donne entrando nella quale tu vivi in "compagnia con Cristo", perché questa comunità è semplicemente la compagnia di Cristo. E questa compagnia è la Chiesa; essa è la presenza di Cristo in mezzo a noi. Di Cristo, ho detto. Non solo il luogo dove rimane il suo insegnamento; dove si cerca di mantenere viva la sua memoria, e la sua "causa". No: lì c’è Lui stesso.

E quando diciamo Chiesa, diciamo qualcosa di molto concreto e di visibile: sono uomini e donne che vivono in un certo territorio. È incontrando questa comunità che incontro Cristo; è entrando a farne parte, che mi imbatto letteralmente in Cristo . Da questo punto di vista, io oggi ho la stessa possibilità di incontrare Cristo che ebbero Zaccheo, gli Apostoli, e tanti altri di cui parlano i Vangeli.

2. [Chiesa, come?]. E siamo così alla seconda domanda. Sono sicuro che se mi avete seguito attentamente, provate in voi un qualche sconcerto, e vi siete fatti una domanda [la stessa in fondo che si fecero nei confronti di Gesù i suoi conterranei: cfr. Lc 4,22-30]: ma come è possibile che la Chiesa, cioè questa comunità precisa in questo nostro territorio, sia la presenza di Cristo, della sua persona in mezzo a noi? ma di che Chiesa stiamo parlando? Chiesa, come? Entriamo dentro a questa stupenda casa dove abita Cristo.

2.1 Il primo aspetto di questa realtàè il seguente: la Chiesa è una comunità visibile di uomini/donne.

E’ un gruppo di persone ben identificabile, ben individuabile: non si tratta di una società segreta o invisibile. L’incontro con Gesù, Signore risorto, non è un fatto esclusivamente interiore, che accade solo nell’intimo della coscienza di ciascuno. Non è un fatto individuale, anche se personale [c’è una differenza essenziale fra individuo e persona: si pensi all’esperienza umana dell’amore]. È una comunità di persone che si trovano con tutta la realtà della loro persona. Sentite come S. Cipriano, un vescovo martire del terzo secolo, descrive questo fatto: "Siccome Colui che abita in noi è unico, ovunque egli allaccia e lega insieme coloro che sono suoi col legame dell’unità".

Vedete la bellezza di questa casa che è la Chiesa: la nostra individualità, la nostra "solitudine" diventa "comunione" fra persone. Anzi ciò che suscita lo stupore è immediatamente proprio questo.

Ma ora dobbiamo fare un piccolo sforzo per penetrare più in profondità in questa prima dimensione della Chiesa. E per farlo possiamo partire, come sempre, da una esperienza umana. Che cosa è che crea una comunione profonda fra due sposi che si amano veramente? E’ l’appartenenza reciproca: l’uno è dell’altro. Se proviamo a riflettere, vediamo che questo significa due cose:

io sono stato amato/a (sono stato scelto fra i molti possibili);

io provo in questa scelta-amore un senso di sicurezza, di forza che mi sostiene. E’ una grande esperienza!

Ora, avete mai fatto attenzione al fatto che nella preghiera, noi, la Chiesa, chiamiamo Dio: "Padre nostro". Cioè: "Tu ci appartieni"; ed il Signore ci dice: "voi, mio popolo". Esiste una reciproca appartenenza che significa due cose: siamo stati scelti-amati (apparteniamo a Lui); e in Lui troviamo la nostra forza. Dunque: la Chiesa è la comunità visibile del Signore [Comunità = Chiesa].

2.2 Il secondo aspetto è quello più importante di tutti: dovete prestare molta attenzione. Non perché le cose che ora dirò sono difficili, ma perché non sono usuali.

In che modo Cristo è presente in questa comunità di uomini e donne? In che modo Cristo diventa uno di noi, e noi diventiamo la comunità di Cristo, che vive con Cristo?

A questo punto vi dovete ricordare come è nata la Chiesa. Vi ricordate che cosa è accaduto il giorno di Pentecoste? È narrato in At 2,1-13? Fino a quel momento Cristo si era presentato con la sua persona "di fronte" ai suoi amici; tra essi e Lui c’era come un fossato, una barriera. Essi non lo avevano compreso. La Pentecoste fa si che Cristo, la sua Persona, la sua vita e la sua azione redentiva, le sue parole diventino una realtà "loro".

Vi faccio due esempi. Quante volte se uno è scosso da un dolore molto forte, a chi cerca di consolarlo dice: "tu fai presto a parlare, bisogna provare!" Sicuramente avete letto qualche poesia o opera letteraria sull’amore e magari vi siete commossi. E poi vi siete innamorati veramente: è allora che avete capito veramente che cosa è l’amore. Una cosa è capire, una cosa è sentire. Una cosa è sapere, e una cosa è sperimentare. Questo vi aiuta a capire un po’ che cosa è la Chiesa. Essa si costituisce perché lo Spirito Santo è donato dal Signore Risorto all’uomo, e l’uomo così vive l’esperienza di essere con Cristo, anzi in Cristo.

Ma in che modo lo Spirito Santo fa accadere questo avvenimento che è la Chiesa? Fa nascere quella comunità visibile che siamo noi, che è la Chiesa? In tre modi, o meglio mediante tre vie.

a/La prima via è la successione apostolica. Che cosa vuol dire? Egli nella Chiesa costituisce alcuni uomini che hanno il compito di predicare la parola di Cristo, di celebrare i sacramenti, di guidare i discepoli del Signore: sono il Papa ed i vescovi. Essi fanno in un qualche modo le veci di Cristo nella sua comunità. E Cristo è talmente presente in essi che chi ascolta loro ascolta Cristo, chi disprezza loro disprezza Cristo.

b/La seconda via è la "produzione" di quei capolavori che sono i Sacramenti. Cosa sono i Sacramenti? sono azioni che Cristo stesso compie. È Lui che quando vai a confessarti, ti perdona; è Lui che unisce l’uomo e la donna in matrimonio. Ma è Lui soprattutto l’Eucarestia: quando tu celebri col sacerdote l’Eucarestia tu sei presente all’avvenimento della Croce. Veramente i venti secoli che ci separano da esso sono superati.

Ascolta ora quanto dice il papa S. Leone M.: "tutte le cose dunque che il Figlio di Dio fece ed insegnò per la riconciliazione del mondo, noi non lo conosciamo solamente dalla narrazione accurata di eventi passati, ma lo sperimentiamo anche nella potenza di opere presenti" [Sermone 50 (63), 6,1].

c/La terza via è l’azione dello Spirito Santo dentro di noi: ti fa sentire la presenza di Cristo, ti unisce a Lui; Cristo cessa di essere solo un ricordo: lo incontri realmente.

Ma vorrei che voi non cadeste in un errore oggi non infrequente. Sentendo parlare di queste cose, non dovete pensare a chissà quale esperienza "straordinaria". No: sapete che cosa succede? Succede che la vostra vita comincia ad essere vissuta in modo nuovo: è la vostra realtà quotidiana a trasformasi. Sei sposato? Cominci ad amare tua moglie/tuo marito con una profondità, una intensità che prima non avevi: hai ricevuto un amore "cento volte" più grande. Sei fidanzato? Cominci a vedere la tua ragazza/ragazzo con una tenerezza, con una venerazione, un rispetto che prima non sentivi. Il tuo lavoro? Non è solo "produzione" di beni; è realizzazione della tua persona. È la vita stessa di Cristo che ti pervade sempre più intimamente.

2.3 Il terzo aspetto è il vincolo della carità. Il fatto che la Chiesa sia una compagine visibile (prima dimensione) come tale non distingue ancora la Chiesa. Il vero fatto che costituisce la Chiesa è - come abbiamo detto - che questa compagine visibile è posta in essere dallo Spirito Santo come vita con e in Cristo, e Cristo è in essa mediante l’apostolo, i sacramenti e l’azione dello Spirito nel cuore dei credenti. Ma questo "miracolo" prende corpo in una struttura di rapporti che qualifica quella compagine in un modo di vivere ed agire che è proprio di questa comunità: ne è come la sua "carta costituzionale". Questa struttura si chiama CARITÀ.

Conclusione

Abbiamo risposto alle due domande: Chiesa, perché? Chiesa, come? Ed abbiamo scoperto la verità decisiva per la nostra vita: se vuoi incontrare Cristo, devi appartenere alla Chiesa. L’appartenenza alla Chiesa è necessaria perché è necessario appartenere a Cristo; essere di Cristo se non vogliamo perdere la nostra vita.

Avete compreso che cosa significa "appartenere alla Chiesa". Far parte di quella comunità di uomini e donne nella quale guidati dai successori degli Apostoli, partecipando ai sacramenti, siamo uniti in una comunione di persone nella quale "non c’è giudeo né greco, non c’è più schiavo né libero, più uomo né donna, poiché voi siete uno in Cristo" [Gal 3,26]. Veramente la Chiesa è il luogo in cui l’umanità ritrova se stessa.